Le borse alla prova francese

di Daniele Pace Commenta

le pen

Ormai è arrivato uno degli appuntamenti più attesi dai mercati per decidere il futuro dell’Europa, dell’euro, e dei capitali: le elezioni francesi. Siamo al primo round, e sicuramente servirà il ballottaggio per decidere chi sarà il prossimo presidente all’Eliseo, ma molti temono la vittoria della Le Pen, che ha promesso guerra aperta all’euro. Oggi le borse sono calme, e in leggero miglioramento, con l’euro a 1,07 sul dollaro. Tutto stabile, a partire dalla borsa di Tokyo, passando per Milano (+0,4%), Londra e Francoforte (+0,15%). Solo Parigi ale di un buon 1,6%, grazie alle notizie sui sondaggi, che vedrebbero il candidato preferito dai mercati, Macron, in recupero. Molte le notizie per la borsa di Milano, a partire dall’ufficializzazione delle dimissioni di Montezemolo dalla vicepresidenza di Unicredit. Bene i bancari, mentre per Mediaset c’è un’altra giornata di rosso fosco. Intanto, la qualificazione di Champions ai danni del Barcellona, fa volare le azioni della Juventus che guadagnano 10 milioni in un sol colpo, prima delle prese di profitto.

La sterlina resta forte, mentre lo spread non si muove dalle quotazioni di ieri. Intanto la Germania comunica i dati positivi sulla sua produzione, e buoni sono anche i risultati dell’edilizia nella UE.

Ora tutti in attesa delle elezioni francesi.