Saipem vista al ribasso da Goldman Sachs

di Valentina Cervelli Commenta

Saipem cala a Piazza affari dopo Goldman Sachs ha rivisto al ribasso il rating da buy a neutral a causa di alcune incertezze nel breve termine e del ritardo relativo al progetto Kaombo. Qualcosa che non serviva al titolo che vede scendere anche il target price da 4,90 a 3,90 euro.

Restando comunque sopra la quotazione che l’azione presenta al momento a causa del calo registrato. La “colpa” è da ascrivere nello specifico in un report sul settore oil service europeo reso noto oggi dove la Goldman & Sachs ha messo nero su bianco come il titolo sia sceso nonostante un generale  e sensibile miglioramento del settore. Hanno infatti spiegato:

Crediamo che la sua sottoperformance relativa sia legata alle preoccupazioni del mercato circa le aspettative della società per quanto riguarda i ricavi, all’incertezza per il suo livello di margine e alle preoccupazioni attorno al progetto Kaombo.

Il primo problema è legato ai costi aggiuntivi che la società potrebbe trovarsi ad affrontare a causa dei ritardi nel progetto Kaombo e su come questi influenzerebbero la guidance 2017-2018 della stessa e l’incertezza relativa ai danni liquidati ed ai potenziali oneri visto che l’azienda non ha fatto accantonamenti. Detto ciò va sottolineato che la banca americana non vede completamente nero nel futuro di Saipem:

Siamo positivi sul il programma di ristrutturazione dei costi della società e crediamo che ci siano ulteriori misure che potrebbero essere attuate e questo aiuterà a mitigare l’impatto di attività e prezzi inferiori sui margini. Riteniamo anche che, poiché non ci sono ulteriori problemi di legacy nel segmento Onshore E&C, dovremmo continuare per vedere progressi dei margini all’interno di questo segmento.

Il downgrade deve quindi essere preso come uno stimolo a controllare e fare meglio.