Telecom, Cassa Depositi e Prestiti comprerà azioni

di Valentina Cervelli Commenta

Cassa Depositi e Prestiti comprerà azioni Telecom: è questa l’ultima novità per ciò che concerne l’azienda nella quale Vivendi ha la maggioranza e che attualmente risulta in attesa di eleggere il nuovo cda. E’ più che evidente che il Governo ha deciso di scendere in campo definitivamente.

La decisione, da quel che si evince da fonti stampa è stata presa per tutelare gli interessi di sistema ed è condivisa generalmente da tutto il mondo politico, essendo il frutto di una verifica con le fondazioni azioniste e di un vertice occorso martedì nel quale hanno partecipato il premier uscente Paolo Gentiloni, il ministro dello sviluppo economico Carlo Calenda e quello dell’economia, Pier Carlo Padoan. Cosa ha comportato questo oggi per il titolo Telecom? E’ presto detto: una crescita del 3,14% a 0,782 euro con le sole indiscrezioni in attesa della riunione della Cdp di oggi.

Sempre secondo i “bene informati” l’ingresso nel capitale di Telecom avverrà con acquisti che saranno realizzati ai blocchi, attraverso un investimento palesemente di tipo finanziario. La quota che verrà acquistata sarà grande fino al 5% corrispondente a circa 550 milioni di euro.

Gli analisti hanno preso bene la notizia studiandola nel breve termine ma presentando alcune perplessità per ciò che concerne il lungo termine: si ha la paura che possano nascere dei conflitti di interesse. Quel che appare evidente è che Cdp potrebbe essere centrale nel riuscire ad aiutare Elliott nel tentativo di rendere Vivendi meno centrale. Bisognerà attendere la riunione dedicata che si terrà tra non molto per comprendere cosa accadrà davvero e quanto lo Stato potrà essere rilevante.