Cautela Yellen, mercati incerti

I mercati aprono oggi in un clima incerto ma stabile, dopo le parole del presidente della FED Janet Yellen, ieri sera ora italiana, in audizione al senato americano. Se la Yellen esprime cautela, nel programma di rialzo dei tassi di interesse del dollaro, allora i mercati esprimono cautela, con i maggiori listini poco mossi. Una calma piatta stile ferragosto, con Milano che segna un’apertura del +0,1%, Parigi +0,13%, mentre Londra perde lo 0,1%. Stabile Francoforte, ma comunque sembra che la cautela della Fed piaccia ai mercati, specialmente quelli europei, mentre il dollaro continua a scendere nelle quotazioni contro le maggiori valute mondiali. Intanto anche Tokyo ha mostrato calma piatta, chiudendo con un piccolissimo +0,01%.

Tutte le valute salgono nei confronti del dollaro, con l’euro che in apertura segnava 1,1450 dollari e 129,43 yen. Sale anche la sterlina, a 1,2913 sulla valuta statunitense.
Spread molto stabile in questi giorni, che in apertura segna 166 con rendimento decennale a 2,24%.

In Germania sale l’inflazione, dello 0,2% questo mese, attestandosi a +1,6% su base annua. In crescita anche il surplus commerciale cinese su base mensile, a 42,77 miliardi di dollari. Anche il petrolio segna una certa stabilità, con il Wti che perde solo 0,10 dollari al barile, attestandosi a 45,39 dollari, con il Brent a 47,63, -11 centesimi rispetto a ieri. L’oro sale a 12254 dollari l’oncia.