Il 2009 comincia positivamente per i titoli asiatici: sugli scudi il settore energetico

di Redazione Commenta

Sono state decisamente positive le prestazioni di questa settimana dei titoli asiatici, guidati in particolare dai produttori di energia e materie prime, dopo la ripresa da parte dei prezzi del petrolio e dei metalli: i governi delle principali nazioni dell’Asia sono già pronti ad adottare tutte le misure volte a potenziare l’economia. Bisogna senz’altro segnalare l’importante rialzo ottenuto da Cnooc Ltd. (+14%), mentre BHP Billiton Ltd., la più grande compagnia mineraria del mondo, ha guadagnato ben 6 punti percentuali, grazie soprattutto agli aumenti nei prezzi dei metalli.

 

Satyam Computer Services Ltd., società informatica indiana, si è ripresa fino a raggiuingere un livello del 30,6%: tale rialzo si è verificato dopo che il portavoce di Satyam ha lasciato la compagnia al fine di ristabilire la fiducia negli investitori, e dopo l’annuncio da parte di Economic Times of India secondo cui Hewlett-Packard Co. potrebbe acquistare una partecipazione dell’azienda. Secondo Shane Oliver, capo del settore strategico degli investimenti di AMP Capital Investors:

C’è un pò di cauto ottimismo nell’aria, ci si aspetta che il 2009 porti novità positive. Le azioni delle compagnie minerarie hanno subito cali consistenti lungo tutto il corso dell’anno appena terminato; nonostante ciò, dovremmo assistere ad una ripresa economica nella seconda metà di quest’anno.

 

Questa settimana si è rivelata positiva anche per l’MSCI Asia Pacific Index, il quale ha guadagnato 3,1 punti percentuali, raggiungendo quota 90,12. I titoli del settore energetico e delle materie prime sono stati i migliori tra i dieci principali gruppi industriali. Questo è sicuramente un evento notevole, in quanto proprio questi due settori avevano perso più di metà del loro valore lo scorso anno, diventando in tal modo i peggiori titoli dell’MSCI Asia Pacific. Per concludere, anche l’indice Hang Seng di Hong Kong ha avuto un’avvio davvero interessante: l’indice ha guadagnato ieri ben 4,6 punti percentuali, vale a dire il miglior avvio d’anno da più di trentasette anni.

Lascia un commento