Asta titoli Spagnoli per 4.5 miliardi di euro

di Redazione Commenta

Lo spread dei titoli di Stato dei Paesi Europei con riferimento al Bund tedesco continua ad essere il “polso” dell’Europa in questa fase di recupero della fiducia e le sale trading seguono ancora da vicino le emissioni dei titoli del debito. La grande influenza che queste hanno sul mercato azionario costringono i traders a fermare il mercato poco prima dei risultati che fin’ora sono sempre stati positivi negli ultimi tempi anche se l’uscita dalla fase attuale è più difficile del previsto.

La Spagna ha appena collocato 4.500 milioni di euro di bond a medio termine con rendimenti in calo rispetto alla precedente emissione; il “5 anni” è stato sottoscritto con un rendimento del 3.4% per 1.5 miliardi di euro (in ribasso rispetto al precedente 4.02%), mentre il “3 anni” si conferma a 2.6% di rendimento contro il 3.3% precedente per un totale di 1.9 miliardi di euro. I titoli a due anni sono stati sottoscritti per 1.1 miliardi di euro e la domanda complessiva ha quasi triplicato l’offerta, contro ogni previsione.

ASTA BUND POSITIVA E SPREAD IN RIBASSO

RISULTATI ASTA BTP

La forte spinta che il mercato dei titoli del debito riesce a dare all’azionario è visibile in queste ore; i mercati Europei sono in territorio positivo e provano a consolidare i guadagni degli ultimi giorni con il FTSE-Mib che aggiorna il supporto a 16500 punti portando il book di contrattazione del future oltre l’1.50% di guadagno rispetto al close di ieri.

Sempre sul listino italiano spicca il settore bancario con ben 8 istituti di credito in cima alla lista delle blue-chips per guadagni che superano in certi casi il 5%. L’incoraggiante andamento del settore più importante per la ripresa dell’Eurozona non riesce a sostenere l’intero listino visto che nella parte bassa A2A perde il 3.90% seguita da Diasorin a -2.18% e Luxottica a -1.73%. Bene invece Impregilo anche se nel pomeriggio potrebbe accelerare la corsa verso 2.70 euro mentre Telecom Italia ora a +0.40% è in pericolo e nei prossimi giorni non garantisce la tenuta del rialzo.

Lascia un commento