FCA, Hong Kong sospende Great Wall per chiarimenti

di Valentina Cervelli Commenta

Great Wall è stato sospeso dalle contrattazioni nella Borsa di Hong Kong in attesa di chiarimenti sull’interesse manifestato nei confronti di FCA e nello specifico del marchio Jeep. E non è l’unico mercato nel quale le contrattazioni sono state bloccate.

Per ciò che riguarda la Borsa di Milano, intanto, il titolo FCA continua a mantenere la sua corsa mostrando un rialzo del 3% dopo che ieri ha fatto registrare nel totale un incremento del 6,92%. Le contrattazioni del titolo Green Wall invece sono bloccate momentaneamente anche a Shanghai al fine di comprendere quale sarà il comportamento dell’azienda nei confronti della multinazionale italo americana.

È importante ricordare che ieri il produttore cinese di Suv aveva mostrato apertamente il suo interesse nell’acquisto della Jeep da FCA secondo il sito Automotive News il quale aveva comunicato come il CEO dell’azienda sarebbe stato già in contatto con FCA. Questa avrebbe dapprima scelto la via del “no comment” per poi produrre una nota dove specificare di “non essere stata approcciata da Great Wall Motors riguardo al brand Jeep o ad altre questioni relative al suo business“.

Nel testo è stato altresì sottolineato che la società sarebbe impegnata esclusivamente nel “perseguire il suo piano 2014-2018, di cui ha raggiunto ogni obiettivo alla data odierna e al cui completamento mancano solo 6 trimestri“. Il magnate cinese ha sottolineato in seguito, attraverso un portavoce direttamente con il Financial Times, di essere stato da sempre interessato ed è intenzionato ad acquistare l’intera FCA. Sarà possibile per i cinesi finanziare una simile acquisizione? L’azienda ha una capitalizzazione di mercato di 18,1 miliardi di dollari e un utile netto lo scorso anno di 1,6 miliardi di dollari mentre Fca ha una capitalizzazione di 16,45 miliardi di euro e un debito netto di 4,2 miliardi di euro.