Alitalia, Lufthansa in pole per l’acquisto

di Valentina Cervelli Commenta

Da quel che si evince scorrendo le news relative ed ascoltando gli addetti del settore, per ciò che concerne Alitalia al momento è Lufthansa ad essere in pole per l’acquisto: ovviamente nessuna decisione è stata presa ufficialmente ma se i segni attualmente presenti sono premonitori, sarà la Germania ad occuparsi del vettore.

E’ il ministro per lo Sviluppo Economico Carlo Calenda a spiegare nel corso di un’intervista al Corriere della Sera quale sia l’attuale situazione delle trattative per la vendita di Alitalia e come si stia tentando di prendere la migliore scelta possibile per tutti. Ecco cosa sottolinea in merito alle offerte sul tavolo ed oggetto di trattativa.

Le valuteremo con molta attenzione e a metà gennaio inizieremo la negoziazione in esclusiva. Il nostro obiettivo è raggiungere un accordo prima delle elezioni. Oggi Alitalia è gestita meglio e finisce l’anno avendo lasciato sostanzialmente intatto il prestito ponte. Ma è un’azienda fragile che non può sopravvivere da sola attingendo illimitatamente al denaro pubblico.

Non vi è solo la Germania con Lufthansa in gara: come noto anche EasyJet (la linea low cost britannica, N.d.R.) ed il fondo statunitense Cerberus sono interessati ma per il momento, quel che sembra essere certo è che il prossimo gennaio dovrebbe iniziare una fase di negoziazione con la compagnia tedesca che dovrebbe chiudersi entro i primi giorni di febbraio. Al momento Lufthansa è quella che offre maggiore solidità e migliori prospettive aziendali sebbene tutto ciò riguardi solo la parte volo, lasciando al di fuori l’handling ed i servizi a terra.