Per Fiera Milano utile positivo e dividendo

di Simone Ricci Commenta

Fiera Milano, la spa costituita appositamente per il prossimo expo del 2015 che andrà a riguardare il capoluogo lombardo, può vantare un 2011 dagli utili molto interessanti: la società ha fatto conoscere proprio nel corso della giornata di ieri i risultati finanziari che sono emersi lo scorso anno, con delle notizie che possono essere definite più che positive. In effetti, il già citato utile netto si è attestato al di sopra dei cinque milioni di euro, un valore doppio rispetto a quello conseguito nel 2010, mentre i ricavi consolidati sono stati protagonisti di un incredibile +11,9%, con una quota complessiva di 278 milioni di euro.

FIERA MILANO: TERZO TRIMESTRE 2010 IN RECUPERO

Lo stesso discorso vale anche per i metri quadrati occupati, un dato fondamentale per un gruppo espositivo di questo tipo, visto che si è arrivati fino a 1,8 milioni grazie a un incremento di 7,3 punti percentuali. Di conseguenza, il relativo titolo non poteva che beneficiare di stime così lusinghiere, con un aumento a Piazza Affari superiore al 9%. Tra l’altro, i buoni spunti sono giunti perfino dal margine operativo lordo, con una crescita sensazionale del 51% anno su anno, senza dimenticare il fondamentale calo dell’indebitamento finanziario. Ma la novità più inattesa e sorprendente è stata senza dubbio quella relativa al dividendo. In effetti, bisogna ricordare che Fiera Milano non ne proponeva uno addirittura da due anni, ma stavolta il consiglio di amministrazione ha deciso di deliberare la distribuzione di venti centesimi di euro per ogni singolo titolo azionario, a fronte di oltre 41 milioni di azioni ordinarie che sono attualmente in circolazione (il pagamento effettivo avverrà il prossimo 10 maggio).

FIERA MILANO: COMPRA 75% OPERATORE BRASILIANO

Le previsioni sono state quindi battute in maniera decisa, con lo stesso dividendo che risulta essere di ben quindici centesimi più alto: secondo la maggior parte degli analisti, una buona parte del merito si deve alla vocazione sempre più internazionale di Fiera Milano.

Lascia un commento