Wall Street inverte: previsto un Venerdì nero?

di Redazione 3

Non rosso, ma nero potrebbe essere il Venerdì che va’ a chiudere l’ottava in corso, visti i presupposti sulla chiusura di oggi di Wall Street attesa tra poco; attualmente il Dow Jones cede in termini percentuali l’1.66% portandosi a quota 11707 dopo un’apertura prossima alla parità vicino a 11900 punti. Se pensiamo che solo Martedì scorso lo stesso indice andava al recupero di 12200 punti ci rendiamo conto di come è cambiata la situazione e ad aggravare il quadro ci sono i segnali ciclici che con la perdita del bottom del 9 Novembre prevedono un’intermedio ribassista a meno di immediata smentita.

La tensione è quindi altissima e si corre ai ripari; vengono liquidate tutte le posizioni possibili e ci si prepara per il tonfo di domani mattina che può essere smentito solamente da una sessione asiatica sopra la media per un close settimanale che comunque sarà non potrà lasciare segnali di forza. 

Attualmente le preoccupazioni sono diffuse a 360° anche se si tenta sempre (invano) di centrare il nucleo di problema accusando una volta l’area Euro e l’altra l‘area Dollaro USA che si rimbalzano le colpe senza soluzione; l’unica certezza è che appunto abbiamo problemi diffusi ed una seconda fase di recessione (dopo quella del 2008) sembra ormai essere alle porte; sorvegliati speciali sono gli istituti di credito che ancora una volta hanno tutte le carte in regola per innescare le vendite dato che gli asset tossici sembrano non essere finiti ed i problemi del credito sono risaputi.

Tempo limite per avere risposte sul futuro sembra essere la fine del mese ma questo non vuol dire che fino ad allora gli investitori non correranno ai ripari liquidando le posizioni rischiose qual’ora fosse ritenuto opportuno. Tornando a Piazza Affari il focus di domani è su Unicredit che sarà la sorvegliata speciale italiana. Il più grande istituto di credito del Paese (insieme a Intesa SanPaolo) era già noto anni fa’ per avere in portafoglio investimenti “scomodi” e la situazione sembra non essere cambiata.

Commenti (3)

Lascia un commento