Cambio ceo per HP, arriva Withman

di Redazione 1

Lèo Apotheker lascia la guida di Hewlett-Packard, durata meno di un anno. La società tecnologica di Palo Alto, confermando le indiscrezioni stampa circolate in questi giorni, ha diffuso la notizia che ieri sera Meg Whitman sarà il nuovo amministratore delegato e presidente di Hp. La nomina ha effetto immediato e il nuovo capo del board ha già preso il posto di Apotheker, che in questi ultimi mesi era al centro di alcune polemiche: la gestione di Leo Apotheker ha visto crollare nel giro di 11 mesi i profitti dell’azienda del 47%, a seguito di alcune scelte ritenute sbagliate sia nella gestione della divisione computer, sia nello scomparto mobile.

Ricordiamo infatti solo pochi mesi fa l’annuncio dell’azienda di lasciare WebOS, che portò a una vendita sottocosto di alcuni prodotti di punta della compagnia. Una decisione che per alcuni si è rivelata sbagliata poiché HP perderebbe la possibilità di stabilirsi al terzo posto del podio come sistema operativo mobile più importante a livello globale, dopo Apple e Android. Tuttavia Meg Whitman ha sottolineato che l’azienda avrebbe investito nella propria offerta di software e che avrebbe continuato a esplorare le opzioni per ottimizzare webOS, per cui non é ancora detta l’ultima parola.

Siamo fortunati di avere qualcuno del calibro e dell’esperienza di Whitman in Hp – ha commentato Ray Lane – siamo in un momento cruciale e abbiamo bisogno di una nuova e forte leadership per portare avanti con successo la nostra strategia, e trarre vantaggio dalle opportunità presenti sul mercato. E Whitman è la persona giusta.

Mrs Whitman, nata nel 1956 ha lavorato in società del calibro di Walt Disney, DreamWorks, Procter & Gamble, Hasbro e ebay, dove ha ricoperto la carica di presidente e ceo. Ad ebay sembra che abbia lasciato l’impronta più decisiva: lo storico sito di ecommerce negli anni di gestione Withman ha visto passare il numero di dipendenti da 30 a più di 15 mila, mentre i ricavi annuali sono balzati nel corso del decennio da circa 4 milioni di dollari a 8 miliardi.

Commenti (1)

Lascia un commento