L’Australia inserisce incentivi per l’energia solare nel suo piano anti-inquinamento

Il piano del governo australiano per produrre il 20% dell’energia da fonti rinnovabili a partire dal 2020, prevede ora anche degli incentivi per i pannelli solari, così come ha precisato il ministro per i cambiamenti climatici, Penny Wong. Wong ha anche fatto sapere di avere intenzione di includere i cosiddetti Crediti Solari per quelle persone che utilizzano l’energia proveniente dal sole. Le leggi promosse dal ministro permetteranno, tra l’altro, di espandere gli obiettivi dell’elettricità da fonti rinnovabili fino a 45.000 gigawatt-ora nel 2020 dai 9.500 gigawatt-ora di partenza del 2010. In una dichiarazione via e-mail, il ministro australiano ha precisato il suo progetto:

Stiamo costruendo una economia del futuro con livelli di inquinamento molto bassi, attraverso la fissazione di un costo sul carbone e con maggiori investimenti nelle tecnologie rinnovabili, come le energie eolica, solare e geotermica.

 

L’obiettivo del governo australiano per quanto riguarda l’energia rinnovabile fa parte di un piano più ampio volto a ridurre i gas ad effetto serra del 60%  nel 2050. Lo stesso ministro Wong ha spiegato questa settimana che il governo dovrebbe utilizzare lo scambio di emissioni per abbassare il livello di inquinamento del 5-15% a partire dal 2020. Il progetto darà quindi la possibilità ai consumatori di guadagnare cinque crediti, detti anche Renewable Energy Certificates, per ogni megawatt-ora di energia solare prodotta dai loro pannelli. Questi crediti saranno una sorta di anticipo dei 7.500 dollari australiani (5.194 dollari) per chi acquisterà sistemi fotovoltaici domestici.

 

Il ministro dell’ambiente australiano, Peter Garrett, si è così espresso al riguardo:

Questi Crediti Solari saranno di grande ausilio per le abitazioni, le piccole imprese e i gruppi che hanno ottenuto l’assistenza con il costo anticipato dei sistemi solari. Vi sarà dunque la possibilità per l’industria di essere proiettata verso il futuro.

Gli stabilimenti termo-solari potrebbero fornire metà delle fonti rinnovabili, come aveva già spiegato in agosto la WorleyParsons Ltd., maggior compagnia ingegneristica dell’Australia.

2 commenti su “L’Australia inserisce incentivi per l’energia solare nel suo piano anti-inquinamento”

Lascia un commento