Dividendo Fiat Industrial ad aprile

di Redazione Commenta

Il prossimo mese di aprile sarà decisivo per il dividendo di Fiat Industrial: in effetti, dopo una opportuna approvazione da parte dell’assemblea degli azionisti, il Lingotto provvederà a versare un acconto sui titoli azionari ordinari, ma anche su quelli privilegiati e di risparmio, il tutto come conseguenza del bilancio del 2011 che è appena stato reso pubblico. In effetti, il consiglio di amministrazione ha anche dato il via libera ai risultati finanziari relativi allo scorso anno, quindi si può tranquillamente procedere in questa direzione. Che cosa devono attendersi dunque gli azionisti di Fiat Industrial?
FIAT INDUSTRIAL PRONTA A INVESTIRE ANCHE IN RUSSIA
La cedola in questione, la quale sarà pagata esattamente il prossimo 26 aprile, sarà pari a 0,185 euro per ogni singola azione ordinaria di cui si è in possesso, un ammontare che non cambia se si è titolari di azioni privilegiate, mentre l’importo sarà maggiore (0,2315 euro) nel caso di azioni di risparmio. Inoltre, bisogna anche ricordare un’altra data fondamentale in questo senso, il 23 aprile del 2012, giorno in cui vi sarà lo stacco della cedola. La società, tra l’altro, ha comunicato in via ufficiale il monte dividendi totale che deve essere distribuito a tutti i suoi azionisti: la cifra in questione si è attestata sui 240 milioni di euro, vale a dire circa un terzo dell’utile netto consolidato del gruppo nei 365 giorni menzionati in precedenza, oltre che un valore in linea con la consueta politica di remunerazione della compagnia stessa.

DATI DI BILANCIO FIAT 2011

Che cosa è stato comunicato di preciso lo scorso 1° febbraio da Fiat Industrial? I dati di bilancio sono presto detti: il 2011 si è concluso con un utile della gestione ordinaria fissato in 1,68 miliardi di euro, mentre i profitti netti hanno superato i settecento milioni di euro. La prossima assemblea degli azionisti non deciderà comunque soltanto sui dividendi a cui si sta facendo riferimento, ma provvederà anche a nominare il consiglio di amministrazione.

Lascia un commento