Dividendo gruppo Trevi sale a tredici centesimi

di Redazione Commenta

Per Finanziaria Industriale, la spa che fa parte integrante del gruppo Trevi, è giunto il momento di stilare e approvare il bilancio relativo allo scorso anno: la holding della società ingegneristica è stata infatti protagonista di un 2011 importante, con i ricavi complessivi che si sono attestati a quota 1.061,4 milioni di euro, un dato che risulta essere superiore di oltre undici punti percentuali rispetto alla medesima rilevazione di 365 giorni prima. In aggiunta, non bisogna dimenticare nemmeno che il valore della produzione ha fatto registrare un incoraggiante +20,7%, con circa 1.137 milioni di dollari totali.

GRUPPO TREVI ANNUNCIA NUOVI CONTRATTI ALL’ESTERO
Un’altra stima di un certo rilievo è stata quella relativa al margine operativo lordo, con quest’ultimo in calo rispetto a quanto evidenziato nel corso del 2010. Se poi si vuole completare a tutti i costi questo quadro, allora non si possono non aggiungere l’utile netto (in declino di oltre venti milioni di euro nel giro di un esercizio), il Roi (Return on Investment) in leggero decremento e l’indebitamento finanziario netto che non ha subito grandi modifiche da questo punto di vista, rimanendo fermo a quota 366,5 milioni di euro. Come hanno commentato tutti questi risultati i vertici dell’azienda? Il 2011 è stato giudicato in maniera positiva, in particolare la crescita piuttosto consistente dei ricavi in questione. Uno dei periodi più brillanti in tal senso è stato sicuramente l’ultimo trimestre (il periodo compreso tra i mesi di ottobre e dicembre), quando le vendite sono letteralmente schizzate verso l’altro e sono stati siglati diversi contratti strategici.

GRUPPO TREVI: NUOVA COMMESSA IN TURCHIA

La stabilizzazione economica attuale viene avvertita in modo positivo, ma le prospettive del 2012 vengono ancora improntate alla prudenza. Alla luce di queste rilevazioni, il consiglio di amministrazione del gruppo Trevi ha deciso di proporre all’assemblea degli azionisti un dividendo da tredici centesimi di euro per ogni singolo titolo azionario (+9,7% per la precisione).

Lascia un commento