Il gruppo Veneto Banca registra un semestre in utile

di Sandro Argenti Commenta

Buoni i risultati ottenuti nel primo semestre dell’istituto di Credito, grazie soprattutto alla conclusione di operazioni di riassestamento del bilancio

“Veneto Banca segna, con questa semestrale, il ritorno all’utile e chiude l’esercizio di bilancio con un dato positivo di 8,39 milioni di Euro, confermandosi una realtà reattiva, capace di affrontare con determinazione le sfide di un mercato molto incerto”.

È quanto ha affermato il presidente dell’istituto veneto, Francesco Favotto, illustrando i risultati dei primi sei mesi dell’anno del gruppo. “In un contesto economico ancora fragile, – ha detto Favotto – con un Paese rientrato tecnicamente in recessione dopo due trimestri consecutivi di discesa del Pil, il nostro gruppo ha saputo infatti reagire e raggiungere risultati molto positivi, con la conclusione in un solo mese dell’aumento di capitale da 474,3 milioni di euro. Grazie a questa operazione e alla conversione del Prestito Obbligazionario Convertibile, il nostro Cet 1 sale al 10,46%, ben oltre l’8% richiesto dalla Bce. Al perfezionamento della cessione della quota di maggioranza detenuta dalla banca in Bim e in Banca Ipibi il CET 1 beneficerà di ulteriori 87 bps, portandosi così sull’11,33%”.

Veneto Banca propone un dividendo da 60 centesimi

Il presidente ha poi affermato che “in questi giorni abbiamo ricevuto dalla Banca d’Italia il provvedimento che sancisce la chiusura del procedimento sanzionatorio avviato nei confronti degli ex amministratori e sindaci dopo i rilievi ispettivi di novembre 2013. Si chiude un capitolo e si riparte con fiducia e determinazione: i risultati economici del primo semestre, uniti all’integrale compimento del piano di rafforzamento patrimoniale approvato dal precedente Consiglio e confermato dall’attuale, ci consentono di affrontare in sicurezza, assieme alle più importanti realtà bancarie europee, i prossimi appuntamenti fissati dalla Bce” ha concluso Favotto.