Previsioni chiusura annuale del FTSE-Mib

di Francesco Giocondo 2

Avvicinandosi al close annuale i volumi di contrattazione andranno scendendo probabilmente, come succede solitamente a Dicembre, ma visto l’andamento particolare non si esclude che ci potranno essere movimenti ampi anche con i book vuoti (che in effetti rendono più facile definire le tendenze). Nel medio-lungo periodo rischiamo di assistere ad un close annuale prossimo a quota 15000 che darebbe incertezza per tutti i primi 3 mesi del prossimo anno solare; questo vorrebbe dire una performance intorno al -27% per questo 2011 che segue ad un 2010 altrettanto negativo con -13% ed un 2009 che invece lasciava intendere ben altro (+19% circa).

La “morsa” che stringe il prezzo del FTSE-Mib è ben visibile sul grafico giornaliero e accompagnerà l’indice italiano fino alla fine del 2011 mantenendo inalterata la sua valenza operativa, sia in un senso che nell’altro.

Innanzitutto le statiche da controllare fin da domani mattina sono esattamente a 14850 per quanto riguarda la resistenza da seguire in acquisto in close giornaliero, mentre per quanto riguarda il supporto che potrebbe reggere la negatività incombente il livello statico è posizionato a 14430 punti. Sotto a questo per i primi giorni della prossima ottava avremo vendite su tutto il listino con particolare pressione sul settore bancario, che più di tutti accusa i momenti di ribasso dell’indice di riferimento italiano.

I target di medio periodo che corrispondono anche ai possibili close annuali, sono definiti dalla formazione a triangolo che è ben visibile nell’immagine in testa; dalla parte alta la trend-line discendente disegnata sui top relativi del 28 Ottobre e del 7 Dicembre promette di contenere il rialzo e di definire il target rialzista dell’eventuale uscita sopra a 14850 punti di FTSE-Mib. Dal lato ribassista l’uscita dal supporto ha come target la trend-line disegnata sui bottom del 23 Settembre e del 25 Novembre, mentre il close annuale sotto la stessa darà negatività per i prossimi 2 mesi a venire.

Commenti (2)

Lascia un commento