Assicurazioni auto, come calcolare il premio

di Michele Laganà Commenta

Nonostante il nome possa trarre in inganno, il premio assicurativo non ha nulla a che vedere con un possibile regalo che la nostra compagnia assicurativa ci fa quando raggiungiamo un determinato obbiettivo. Il premio assicurativo è quanto dobbiamo pagare all’assicurazione per aver assicurato il nostro veicolo e quindi poter circolare rispettando le leggi vigenti. Il calcolo di tale premio viene fatto sulla base di diversi fattori direttamente dall’agenzia dove ci rechiamo per stipulare un nuovo contratto assicurativo.

In particolar modo per le assicurazioni auto, sono tanti i fattori che vengono presi in considerazione dalle compagnie assicurative, i quali si possono divedere in oggettivi e soggettivi.

Tra i fattori oggettivi, troviamo:

  • La potenza del veicolo. E’ indubbio che una maggiore potenza su un veicolo possa creare più danni e quindi è più esposto a creare incidenti in strada.
  • Anche la provincia di immatricolazione o il comune di residenza dell’assicurato sono dei parametri che vanno ad inficiare sul costo dell’assicurazione. Se si abita in una provincia dove c’è un numero maggiore di sinistri, si andrà a pagare di più.
  • L’alimentazione del veicolo va ad influire sul costo dell’assicurazione, in quanto se si ha un’automobile a Diesel le assicurazioni calcolano che si faranno più chilometri e che quindi si sarà più esposti a creare o subire incidenti.
  • ABS o doppio airbag, questo è uno dei fattore che invece può farci abbassare il costo dell’assicurazione. Se presenti sulla macchina andranno a diminuire il premio da pagare in quanto chi viaggi sulla vettura è più protetto e meno esposto a danni che poi l’assicurazione dovrà risarcire.

Come dicevamo, sono presenti anche dei fattore soggettivi che non si possono tralasciare:

  • L’età dell’assicurato va ad influire sul costo, è statisticamente provato che i giovani sono più esposti a commettere incidenti.
  • Il sesso dell’assicurato, è una delle motivazione che però si appresta a scomparire a partire dal 21 dicembre. Le donne commettono meno incidenti e quindi il premio che andrà a pagare una donna rispetto ad un suo pari di sesso opposto, è nettamente inferiore.
  • Conseguimento della patente, è prova che chi ha conseguito la patente da meno tempo è più inesperto e quindi più esposto a commettere incidenti rispetto ad un veterano.
  • Utilizzo dell’auto e professione. Chi utilizza l’auto per uso privato e nel tempo libero, si trova meno esposto a commettere incidenti rispetto a chi la usa quotidianamente per professione.

Ci sono tanti fattori che influiscono sul costo dell’assicurazione. Quelli elencati sono alcuni dei principali fattori da dover valutare quando si prova ad instaurare un rapporto assicurativo con una compagnia. Se si vuole risparmiare ulteriormente, le assicurazioni online ed un servizio di comparazione costi possono aiutare notevolmente.

 

Articolo sponsorizzato da 6sicuro.it

Lascia un commento