Banco BPM, Aviva vende quota in Avipop

Aviva ha deciso di esercitare l’opzione di vendita per l’intera quota detenuta in Avipop Assicurazioni. Un grandissimo passo se si pensa che l’Italia, per la stessa, è il quarto mercato in ordine di grandezza per ciò che concerne il settore di riferimento. A darne l’annuncio è stato direttamente Banco BPM.

Come ottenere sconti sull’assicurazione auto

Le polizze Rc auto nel nostro paese sono troppo salate. A comunicarlo è il secondo rapporto sull’Rc auto in Italia, da cui viene fuori che fra il 2008 e il 2012, i contratti fatti in Italia erano mediamente più cari di 491 euro, 213 in più rispetto a quelle di Gran Bretagna, Francia, Germania e Spagna, con alcune aree (il Sud, e Napoli in particolare) dove i prezzi dell’Rc auto rappresentano una vera e propria emergenza.

Assicurazione pagata? Ora un sito te lo dice

A seguito dell’ abrogazione dell’articolo 8 dal decreto “Destinazione Italia” (tutto dedicato alla materia Rc auto) il Governo ha compiuto un passo indietro per quanto  riguarda gli sconti relativi alle polizze assicurazioni rc auto, ma non è disposto a fare lo stesso per quel che riguarda il contrasto nei confronti di chi non paga il premio dell’assicurazione.

Progetto Generali Italia oggi al via

 E’ una vera e propria rinascita per il gruppo Generali Assicurazioni, che in 11 mesi di cura-Greco ha cambiato completamente volto, tra l’altro migliorando del 30% la propria capitalizzazione di borsa dopo che la quotazione era clamorosamente crollata sui minimi storici di 8,04 euro sul finire di maggio 2012. Mario Greco è ceo group del Leone di Trieste dal 1° agosto 2012, in sostituzione di Giovanni Perissinotto che ormai non godeva più della fiducia dei grandi soci. Da allora Greco ha cambiato volto al vecchio Leone triestino.

Migliori titoli assicurativi 2013 secondo Morgan Stanley

 Il settore assicurativo appartiene a un business ciclico, legato quindi alle aspettative di ripresa economica. Da inizio anno l’indice Msci World Insurance ha registrato una performance positiva che sfiora il 15%, ovvero il triplo del rendimento offerto dal settore bancario. Oltre alle attese di ritorno alla crescita, soprattutto in Europa, a dare slancio al comparto delle assicurazioni è anche la capacità di alcuni player di caratura internazionale di mostrare bilanci solidi, buoni requisiti di capitale e una distribuzione cedolare appetibile. Morgan Stanley ha stilato la classifica dei 10 titoli assicurativi più interessanti.

Milano Assicurazioni verso cessione a Warren Buffet

 Lo storico marchio assicurativo Milano Assicurazioni, appartenente al neonato gruppo Unipol-Sai, potrebbe essere ceduto al miliardario americano Warren Buffet, che per diversi anni è stato l’uomo più ricco del mondo secondo la rivista Forbes. Venerdì 14 giugno sono attese le offerte non vincolanti e a quanto pare Buffet sarebbe in pole position con la sua holding di investimenti Berkshire Hathaway, un colosso finanziario da 282 miliardi di dollari di capitalizzazione a Wall Street. Secondo le isdiscrezioni di stampa, Buffet alla fine dovrebbe mettere le mani su Milano Assicurazioni.

Generali vende attività riassicurative Usa per 920 milioni

 Il piano di dismissioni di asset non strategici lanciato lo scorso gennaio dal nuovo ceo group di Generali Assicurazioni, Mario Greco, inizia ad entrare nel vivo. Il Leone di Trieste ha infatti firmato un accordo definitivo con la francese Scor per la cessione delle attività riassicurative americane per un importo complessivo pari a 920 milioni di dollari. La cifra comprende il versamento cash di 780 milioni di dollari, nel momento in cui l’operazione sarà definitivamente chiusa, e 140 milioni di dollari di garanzie.

Previsioni Generali 2013

 Stando a quanto affermato dal “timoniere” aziendale Mario Greco alla sua prima assemblea degli azionisti, per Generali il 2013 si sarebbe aperto “con la stessa spinta” di fine 2012, quando il trimestre era stato “molto forte, molto positivo”. Per la compagnia assicurativa triestina si preannuncia pertanto un esercizio sostanzialmente positivo, in linea con le precedenti previsioni: vediamo pertanto quali sono state le più importanti valutazioni del management societario.

Generali rischia aumento di capitale da oltre un miliardo

 Non sono di certo buone indicazioni quelle provenienti stamattina da Bernstein su Generali Assicurazioni, che a Piazza Affari evidenzia un calo dell’1,55% a 12,74 euro. Secondo la casa d’affari, la compagnia assicurativa triestina rischia di dover procedere con un aumento di capitale superiore al miliardo di euro. L’operazione potrebbe essere finalizzata già entro la seconda metà dell’anno in corso. Secondo Bernstein questa mossa sul capitale consentirebbe al Leone di Trieste di evitare nuove pressioni sul credit rating. Dopo l’ottimo inizio d’anno, il titolo è in sofferenza alla borsa di Milano.

Retribuzioni manager Fonsai

 Le retribuzioni dei manager Fonsai non conoscono crisi, nè tracolli finanziari. Anche nell’anno più difficile nella recente storia della compagine assicurativa, infatti, i vertici del management societario sono riusciti a portarsi a casa ben 16 milioni di euro. Il tutto – anticipavamo – a fronte di un crollo dei conti aziendali, con un esercizio chiuso in perdita netta per 800 milioni di euro.

Rating Generali confermato da Moody’s

L’agenzia di rating Moody’s, una delle principali società di valutazione al mondo, ha confermato il rating sulla solidità finanziaria assicurativa di Generali. L’agenzia ritiene che la ristrutturazione italiana ridurrà la liquidità a disposizione della holding, perché la propria base di liquidità da asset diversificata, verrà migrata verso Assicurazioni Generali Italia. Alla capogruppo rimarranno invece gli investimenti meno liquidi, come da intenzioni di gruppo.