Andamento seconda asta BTP Italia Giugno 2012

di Redazione Commenta

L’asta prevista dal 4 al 7 Giugno 2012 dei BTP Italia risulta essere la seconda emissione del nuovissimo Buono emesso dal Tesoro, ed il risultato già nelle prime ore mostra una grande distanza dal primo collocamento. La primissima emissione era prevista compresa tra 1,5 miliardi di euro e 2 miliardi di euro, ma già dopo la prima giornata l’importo raggiunto corrispondeva al minimo della forchetta prevista, mentre alla fine dell’asta il totale era di oltre 7 miliardi di buoni collocati.

Dall’avvio della seconda asta di BTP Italia previsto per questa mattina si è notata subito la differenza; in poche ore la raccolta è stata di circa 100 milioni di euro, mentre nella prima asta gli importi erano circa 8 volte tanto.

BTP ITALIA SECONDA EMISSIONE A GIUGNO 2012

Secondo gli analisti comunque l’errore di fondo è paragonare le due aste; le condizioni del mercato e degli investitori erano nettamente diverse a Marzo così come oggi sono precipitate sotto tutti i punti di vista ed è plausibile pensare che i “retail” abbiano meno intenzione di investire (oltre che meno disponibilità).

Le condizioni sullo spread e sul mercato azionario convergevano durante Marzo scorso in una visione positiva del futuro che invece è stata poi smentita tra Aprile e Maggio 2012. Oggi il mercato è in grande crisi ed i piccoli investitori si trovano alle strette sui conti personali, grazie anche alla pressione fiscale in netto aumento. Gli istituzionali hanno “fatto il pieno” a Marzo e probabilmente aspetteranno la terza asta per tornare attivi sui collocamenti del MEF per quanto riguarda il BTP Italia.

CALCOLO RENDIMENTO BTP ITALIA

I numeri quindi sono nella media e con un’analisi ragionata si scopre anzi che il collocamento sta proseguendo per il verso giusto e la domanda è proporzionata all’offerta, almeno per ora. La bassa affluenza probabilmente deriva anche dal fatto che oggi e domani il mercato di Londra è chiuso ed il clima di “festa” si ripercuote anche su Piazza Affari, gestita appunto dal London Stock Exchange.

Lascia un commento