Elezioni in Grecia rilanciano settore bancario

L’Euro tira un respiro di sollievo; in Grecia le elezioni hanno escluso una volta per tutte la candidatura anti-Euro che ha messo sotto scacco le Borse Europee da più di un mese a questa parte e l’effetto è praticamente immediato.

L’incertezza sulle conseguenze rispetto l’uscita di un Paese (in questo caso la Grecia) dall’area Euro ha costretto gli investitori a fare diversi passi indietro nonostante il clima di ripresa che si respirava prima del default Greco, ma ora i compratori tornano attivi e risollevano le sorti del settore bancario, punto cardine per il rilancio della ripresa.

Il FTSE-Mib si porta fin dai primi scambi sotto la parità, ma il futures viaggia in positivo; il differenziale è dovuto unicamente allo stacco di dividenti previsto per oggi che grava sui conti ma non annulla del tutto l’effetto ripresa.

►PARTITO PRO-EURO VINCE ELEZIONI IN GRECIA

Anche se le borse rispondono positivamente alle elezioni ed il differenziale dei titoli di Stato Europei con il Bund scende in maniera netta dai livelli raggiunti in precedenza, l’allarme non è ancora finito. Erik F. Nielsen avverte:

Non appena verrà formato un nuovo governo greco, è probabile che la Troika torni ad Atene per riavviare i negoziati. C’è molto da fare. Le ultime sei settimane dopo l’ultima elezione hanno infatti visto indebolirsi ulteriormente l’economia ellenica: depositi in calo e completa assenza di credito. Nel breve termine, il nostro punto di vista è che la Grecia ottenga un altro esborso dalla Troika

L’immediata reazione positiva dei mercati potrebbe subire un immediato arresto; nel momento in cui gli investitori si accorgeranno che è stato fatto solo un primo passo verso il rilancio della Grecia inizieranno le prese di profitto sul movimento di questa mattina, che trascineranno al ribasso i mercato per un ritorno in prossimità del close della scorsa ottava.

►ELEZIONI GRECIA, LE BORSE REAGISCONO POSITIVAMENTE

Lascia un commento