Le caratteristiche principali da valutare per un conto deposito

di Sandro Argenti Commenta

Ritornano a destare interesse i profitti offerti dai conti deposito, convenienza che potrebbe essere incoraggiata anche dalle decisioni che saranno prese nella prossima riunione della Bce. In ogni caso resta una convenienza che sarà controbilanciata dal momento che dal prossimo mese di luglio la tassazione su questi prodotti aumenterà, come per tutti gli altri fatta eccezione per Btp e fondi pensione, dal 20 al 26%.

Conti deposito quali i migliori dopo il calo dei rendimenti

Ma i conti deposito, dal momento che sono prodotti sicuri e garantiti, continuano a destare interesse, oggi con i Buoni fruttiferi postali, negli italiani che vogliono mettere al sicuro la propria liquidità ed investire i propri soldi, magari riuscendo a guadagnare qualcosa. Tante le offerte fruibili anche in questo mese di giugno 2014 e fra queste si notano quelle di Conto Deposito Che Banca! che prevede un tasso lordo del 2% (netto 1,60%) a 12 mesi, non ha alcuna spesa se non  l’imposta di bollo di 40 euro; dà la possibilità dell’estinzione anticipata ma perdendo gli interessi maturati al tasso base dell’1%.

Migliori Conti Correnti, caratteristiche e offerte a confronto

Interessante l’ offerta di ContoInCreval, un conto deposito online ad alto rendimento, che dà il 2,75% lordo annuo per i vincoli a 24 mesi (netto 2,20%), con interessi pagati ogni 3 mesi, non ha spese di apertura e di gestione; ma l’imposta di bollo è a carico del cliente; e di ContoSuIBL di IBL Banca, che dà un tasso lordo del 2,45% per i vincoli a 24 mesi (netto 1,96%), non prevede il pagamento del canone mensile, o di apertura, gestione, chiusura, e l’imposta di bollo è a carico di IBL Banca.