Brexit, meno uno al referendum

di Sandro Argenti Commenta

Le previsioni si fanno sempre più incerte, ma il popolo britannico è ancora scosso dall'omicidio della deputata laburista Jo Cox. C'è chi, però, è sicuro della permanenza della Gran Bretagna, a favore di una sterlina che non a caso tratta ai massimi da gennaio contro il dollaro attestandosi in area 1,47.

Leave Remain? Mancano ventiquattro ore scarse al referendum che sancirà la possibile uscita della Gran Bretagna dall’Ue, o ne decreterà la permanenza. I mercati finanziari vivono con estrema cautela questa vigilia.

hotel-economici-londra-300x224

Le previsioni si fanno sempre più incerte, ma il popolo britannico è ancora scosso dall’omicidio della deputata laburista Jo Cox. C’è chi, però, è sicuro della permanenza della Gran Bretagna, a favore di una sterlina che non a caso tratta ai massimi da gennaio contro il dollaro attestandosi in area 1,47. A stimolarla è sospinta il dato dell’indice realizzato da Oddschecker – indice che traccia le possibilità di vittoria del “leave”, l’uscita dall’Unione, in base alle quote dei bookmakers, e che ha fatto segnare un netto calo della Brexit al 26%, dal 43% di una settimana fa.

In ogni caso, il timore per i possibili contraccolpi sui mercati sono elevati e se Mario Draghi ha dichiarato che “la Bce è pronta a tutto”, negli Usa le autorità finanziarie si sono riunite per mettere a punto un piano di emergenza. I mercati europei aprono in cauto rialzo: Milano segna +0,2%, Parigi e Fancofortesono più convinte a +0,7% e Londra sale di mezzo punto percentuale.

In mattinata, i listini asiatici nel loro complesso hanno tenuto a fatica una giornata di guadagni. Chiusura in flessione per la Borsa di Tokyo. L’indice Nikkei, al termine delle contrattazioni, ha registrato una perdita dello 0,64% a quota 16.065. In terreno positivo, invece, sia Shanghai che Hong Kong, entrambe intorno al +0,7%.

La giornata prevede tre importanti dati macro: l’indice dei prezzi delle case e le vendite di case esistenti negli Stati Uniti e la fiducia dei consumatori nell’Eurozona. Oggi le banche europee possono inoltrare alla Bce le richieste di accesso alla prima delle nuove aste Tltro2, di liquidità a tasso zero (o anche negativo): si attende un prelievo netto di 50 miliardi di euro.