Il cda di Rcs ha una nuova composizione

di Redazione Commenta

Rcs Mediagroup può finalmente dire di conoscere nel dettaglio quale sarà la sua futura governance: la riunione di ieri è durata davvero moltissimo, ma alla fine il risultato è stato importante, vale a dire un’intesa sulla gestione e sui componenti della lista per il rinnovo del cda. Quest’ultimo, infatti, avrà luogo il prossimo 2 maggio, quando vi sarà l’assemblea del gruppo e la conseguente approvazione del bilancio dello scorso anno. Quali novità sono previste nello specifico? Il consiglio di amministrazione della società editoriale milanese sarà composto da dodici membri (attualmente ve ne sono invece ventidue), con un nome già noto per quel che concerne la presidenza, vale a dire quello di Angelo Provasoli, ex rettore della università Bocconi.

RCS MEDIAGROUP ANNUNCIA SEMPLIFICAZIONE STRUTTURA SOCIETARIA
La lista in questione, poi, include anche Luca Garavoglia, Fulvio Conti (in rappresentanza di Mediobanca), e Carlo Pesenti e Paolo Merloni per gli altri soci del patto. Non bisogna neanche dimenticare i nomi di Giuseppe Vita, Roland Berger e Andrea Bonomi, mentre Piergaetano Marchetti, colui che è stato presidente fino al giorno d’oggi, manterrà la carica di semplice consigliere. L’undicesima candidatura, al contrario, sarà quella per un ruolo molto importante, quello di amministratore delegato, per il quale sono in corsa diversi soggetti. L’elenco è praticamente completo e tutto questo lavoro lo si deve principalmente a Fiat e Mediobanca, mentre invece il celebre imprenditore Diego Della Valle (la sua partecipazione in Rcs ammonta al 5,5%) si è detto contrario a una impostazione del genere.

GERONZI LASCIA GENERALI: QUALE FUTURO PER IL LEONE DI TRIESTE?

In effetti, secondo il numero uno della Tod’s la sua quota attuale è troppo bassa e andrebbe aumentata in maniera opportuna, nonostante vi sia un importante limite al flottante, ovvero il 12%. Qualche indiscrezione parla di una sua possibile intesa con la famiglia Benetton e Claudio Toti, le cui quote di partecipazione sono piuttosto simili (per la precisione si tratta, rispettivamente, del 5 e del 5,1%).

Lascia un commento