Fondi di investimento, le cose da sapere

di Sandro Argenti Commenta

rating

I fondi comuni di investimento sono considerati come degli strumenti di intermediazione finanziaria il cui fine è di ottenere una raccolta di liquidità da più risparmiatori, in modo tale da ottenere un guadagno sia per gli investitori, sia per i gestori del fondo, per mezzo di una gestione di una serie di portafogli.

>L’outlook sui mercati azionari nei prossimi mesi, dipende dalle Banche Centrali

Gli elementi dei fondi comuni di investimento

Un fondo comune d’investimento è composto da di 3 elementi:

  • – i fondisti, i risparmiatori che immettono il capitale nelle attività del fondo sottoscrivendo quote con i propri capitali;
  • – le società di gestione, chi gestisce le attività del fondo, avviandolo, stabilendone il regolamento e gestendo materialmente il portafoglio;
  • – le banche depositarie, che devono custodire i titoli del fondo e tenere in cassa le disponibilità liquide. Le tipologie di fondi di investimento

>La ciclicità nei mercati azionari, lo S&P Usa

Ci sono in particolare tre categorie di fondi: fondi azionari, fondi obbligazionari e fondi bilanciati. I primi investono per lo più in azioni e obbligazioni convertibili e di solito hanno un più alto livello di rischio, ma offrono rendimenti più elevati. I fondi obbligazionari investono soprattutto in obbligazioni ordinarie e titoli di Stato, hanno un rischio contenuto, ma danno minori garanzie di profitto. Nei fondi bilanciati c’è un equilibrio tra più forme di investimento.

La cosa che maggiormente è importante tenere presente è che quando si investe in un fondo comune si usufruisce della competenza professionale del gestore, che deve tenere sotto controllo gli andamenti dei mercati finanziari garantendo rendimenti più elevati.