I bambini e le lingue straniere: come far apprendere ai nostri piccoli una seconda lingua

di Redazione Commenta

Le lingue straniere sono diventate ormai fondamentali sia in ambito lavorativo che anche di studio e nel tempo libero, visto anche l’evoluzione del web e i contatti che si possono avere, in modo semplificato, con tutto il mondo. Studi e progetti effettuati nel corso degli ultimi anni hanno evidenziato che le lingue straniere i imparano prima se si comincia già da piccoli, e ancora meglio se in modo ludico.

I nuovi corsi per bambini nascono soprattutto online attraverso idonei portali atti a garantire servizi efficaci e semplificati per l’apprendimento delle lingue straniere,  grazie alle app, come ad esempio Skype, che permettono di avere una videoconferenza di insegnamento ovunque voi siate, solamente con una connessione internet, con tutor di inglese o di altre lingue selezionati tra professionisti del settore. Date un’occhiata a preply.com/it/skype/tutor-inglese per saperne di più!

È interessante vedere che queste risorse, comprese le piattaforme, costano meno di un normale ciclo di lezioni in aula, e permettono a tutti di seguire lezioni di tutoraggio direttamente grazie alla rete in qualsiasi posto in cui uno si trova……. L’importante è che il genitore sia presente e che osservi questi accorgimenti prima di affidare il tablet, computer o altro strumento ai bambini.

I corsi

I corsi di lingue online mettono a disposizione docenti professionali, preparati e disponibili a tenere via web lezioni singole o di gruppo, e sono soluzioni molto diffusi tra gli adolescenti e gli adulti. Questo permette di avere un fattivo e funzionale insegnamento della lingua inglese, spagnolo, cinese, russo, francese con diverse formule e tariffe. La differenza principale nell’acquisizione della seconda lingua rispetto alla prima è proprio il fatto di avere già a disposizione (almeno) una lingua: abbiamo già scoperto il mondo attraverso il linguaggio. La seconda lingua si impara quindi sempre sulla base delle conoscenze già acquisite nella prima lingua. La prima lingua già acquisita può anche facilitare l’apprendimento di una seconda, ad esempio per i madrelingua italiani è più facile che per i tedeschi o gli inglesi imparare un’altra lingua romanza come lo spagnolo. In ogni caso, per chi impara una seconda lingua è importante riconoscere sia le differenze che le somiglianze fra la propria lingua madre e la lingua straniera.

Applicazioni

In questi corsi vengono messi a disposizione strumentazioni interattive, moderne e funzionali a garantire un corretto insegnamento della lingua straniera anche ai più piccoli. Questo avviene mediante tutoraggio effettuato da professionisti, giochi interattivi, canzoni, centinaia di esercizi, e tanto altro. Ad aiutare nell’apprendimento dei più piccoli ci sono le piattaforme e le applicazioni quali Skype, che permettono di avere un contatto immediato con il tutor in qualsiasi genere di situazione e ovunque voi siate. L’accesso a queste piattaforme può quindi avvenire attraverso computer, tablet, smartphone, in modo pratico e veloce permette non solo di avere un contatto visivo con il proprio tutor, ma anche di inviare e ricevere file di qualsiasi genere, il tutto in modo immediato e diretto.

Si apre quindi una nuova frontiera dell’apprendimento delle lingue straniere per i vostri bambini, opportunità efficaci e tecnologiche in grado di garantire un futuro più estero anche ai vostri piccoli.