Brunetta lancia il progetto “Reti Amiche”. Ritirare le pensioni in tabaccheria per snellire la Pubblica Amministrazione

di Redazione 5

Riscuotere le pensioni e versare i contributi Inps nelle tabaccherie, nelle banche, alle stazioni ferroviarie e magari anche nelle farmacie. Lo dichiara il ministro della Funzione
Pubblica e dell’Innovazione, Renato Brunetta
nell’ambito della “Giornata dell’innovazione”. L’iniziativa si inserisce nel progetto Reti Amiche finalizzato allo snellimento della Pubblica Amministrazione.

Si tratta –dice Brunetta– di riunire tutte le reti esistenti nel nostro paese, penso alle Poste, alle tabaccherie, ai Carabinieri, alle farmacie, alle ferrovie e alle Banche. Luoghi da utilizzare come contenitori di “totem” accessibili ai cittadini e che consentano loro di bypassare la Pubblica Amministrazione inefficiente.


Il ministro ha, poi dichiarato l’intenzione di raggiungere risultati concreti entro un anno. In caso contrario, Brunetta dichiarerà fallimento e lascerà l’incarico. Il ministro della Funzione pubblica, ha illustrato la situazione in cui verte la Pubblica amministrazione italiana: il settore è poco efficiente e puntuale e rappresenta una palla al piede per la crescita del Paese.

È stato stimato -dice il ministro- che un recupero di efficienza del 10% nella pubblica amministrazione equivale a circa 2 punti di Pil ed è altrettanto noto che sulle piccole imprese il costo della burocrazia grava per quasi 15 miliardi di euro l’anno: un punto di Pil sottratto al loro sviluppo.

Si rende, quindi, necessario portare avanti, nel settore pubblico, interventi volti all’innovazione e alla riorganizzazione, cercando idee nuove ed originali per rilanciare la Pubblica Amministrazione.
Brunetta ha annunciato, inoltre, l’istituzione a Milano dell’Agenzia dell’innovazione e il lancio di un progetto teso a valorizzare la ricerca e la proprietà intellettuali per fini produttivi.

Intanto, al governo si sta riaprendo la discussione sulla riforma delle pensioni. Messe in cantiere la creazione di un tavolo sui lavori usuranti da esentare dalle nuove regole previdenziali e la possibilità di anticipare l’applicazione dei nuovi coefficienti di trasformazione, da cui dipende l’importo delle pensioni future. Fanno sapere dal governo che la discussione entrerà nel vivo solo in autunno.

Commenti (5)

  1. ma quando scrivete una news, controllate mai ad esempio quali sono i fondi prosciugati dalla maggioranza del ministro brunetta? cosi per curiosita’?

  2. secondo me brunetta sta lavorando benissimo

  3. MALGOVERNO NELLA P:A:in quel di Castelraimondo serve maggiore vigilanza e controllo sul territorio.Dal febbraio 2002 l’amministrazione comunale tiene,illegittimamente demansionato,estromesso,eliminato dall’ufficio il comandante dei vv.uu;(uno dei quattro dipendenti comunali laureati,di ottima condotta morale e civile,incensurato,senza alcun procedimento penale o giudiziario a carico),sostanzialmente senza fare quasi niente,a spese del contribuente.(Vedere sentenza immediatamente esecutiva,in internet,alla voce DEMANSIONAMENTO CAMERINO)

  4. amia compiuter adeso un disastro non aspeti tanto percke problemi ce- mi auti prego grase

Lascia un commento