Il piano per la riorganizzazione di Banca Carige

di Simone Ricci Commenta

Il progetto di riorganizzazione di Banca Carige potrà a breve diventare realtà: lo ha deciso il consiglio di amministrazione dello stesso istituto ligure, il quale è intenzionato a rendere ancora più efficace ed efficiente il piano strategico che è stato predisposto per il triennio 2011-2014. In particolare, la banca dovrebbe essere in grado in questa maniera di diventare più attiva anche al di fuori della Liguria, la sua regione di elezione, tanto che è già tutto pronto per il conferimento alla Banca Carige Italia spa, gruppo di nuova costituzione. La notizia è circolata nella giornata di ieri e si sono avute delle conferme in tal senso.

BANCA CARIGE RENDE NOTI I RISULTATI DELLO SCORSO ANNO
A cosa servirà con precisione questo progetto così ambizioso? Nel dettaglio, si andranno a determinare tutti quelli che sono i benefici economici ricorrenti: questi ultimi ammontano a trentasette milioni di euro, mentre quelli non ricorrenti sono di gran lunga superiori (715 milioni per la precisione), al punto che il patrimonio di vigilanza è destinato ad aumentare fino a quota seicento milioni. Gli indici patrimoniali, inoltre, avranno l’opportunità di guadagnare diversi punti base, con le stime più accreditate che parlano in modo chiaro della data del 1° gennaio del 2013 come quella in cui la componente primaria del capitale (il Core Tier 1 per intederci) sarà pari a otto punti percentuali, un livello più alto rispetto a quello previsto da Basilea 3.

BANCA CARIGE PRESENTA IL PIANO STRATEGICO

Ma non bastano soltanto questi dati. In effetti, l’utile netto potrebbe addirittura raddoppiare nel giro dei prossimi cinque anni, mentre il rapporto tra i costi e i ricavi dovrebbe passare dal 58 al 45%. Quest’ultima riduzione sottintende un miglioramento importante. La Cassa di Risparmio di Genova e Imperia guarda dunque con rinnovato ottimismo al futuro, puntando, come finora è accaduto, sulla raccolta diretta e indiretta e sui crediti nei confronti della clientela.

Lascia un commento