Per MPS niente aumento di capitale e Tremonti Bond

di Laura 1

Prima di affrontare il nocciolo della questione dobbiamo ripercorrere le vicissitudini della banca: durante l’anno appena trascorso l’Autorità bancaria europea (Eba), l’autorità che vigila sul sistema creditizio europeo, ha imposto delle regole per i bilanci delle banche. Occorre che gli intermediari finanziari raggiungano un coefficiente di solidità patrimoniale (core tier 1) del 9%, per evitare ripercussioni negative a causa della crisi ed evitare un nuovo crack delle piazze finanziarie. Chi non raggiunge questo coefficiente patrimoniale entro il giugno del 2012, dovrà rivolgersi al mercato e quindi rafforzare il proprio patrimonio attraverso un aumento di capitale.

Banca Mps al momento fa parte di quelle banche che non raggiungono quel requisito minimo e sta mettendo a punto dei sistemi per far fronte alla richiesta dell’EBA. Tali piani però «non prevedono nuovi aumenti di capitale», ci tiene a sottolineare il neo direttore generale Fabrizio Viola, per far fronte al fabbisogno da 3,2 miliardi ci saranno azioni di  capital management, ma non aumento di capitale. La banca ricorrerà ad operazioni di ottimizzazione dell’attivo, dismissioni di asset e conversione dei due strumenti ibridi Fresh. Viola precisa che nelle riflessioni del management della banca mai nessuno abbia pensato a quello strumento (aumento di capitale), semplicemente perchè lo considerano uno “strumento del passato”.

Il presidente infine, si dice fiducioso sui “numeri” della banca, sulla distribuzione della rete degli sportelli, che è molto equilibrata e di cui non si vedono punti di debolezza. Tutt’al più, aggiunge occorre rivisitare il modello per generare adeguato flusso di ricavi e liquidità. Sicuramente non é facile soprattutto a causa del generale contesto di crisi italiano, ma MPS prevede, in tal senso, anche una probabile (ovviamente al momento non c’è nulla di ufficiale e di certo) non distribuzione del dividendo nel 2012. Infine, la restituzione dei Tremonti Bond, da parte di banca Mps, dipende da quanto durerà realmente l’esercizio straordinario dell’Eba.

 

 

Commenti (1)

Lascia un commento