Soci A2A approvano il dividendo da 0,013 euro

di Simone Ricci Commenta

L’ultima assemblea di A2A, quella della giornata di ieri, è stata utile per approvare in via definitiva la distribuzione del dividendo: si tratta di un importo parti a 0,013 euro per goni singolo titolo azionario ordinario, il cui pagamento scatterà a partire dal prossimo 21 giugno, con lo stacco della cedola che avverrà, come di consueto, tre giorni prima. In aggiunta, è stato fornito un parere positivo anche alla relazione sulla remunerazione, ma non ci si è limitati soltanto a queste decisioni. In effetti, bisogna anche sottolineare la nomina per un totale di tre esercizi del nuovo consiglio di sorveglianza. In pratica, si tratta di quindici membri che sono stati selezionati con il meccanismo del voto di lista, con un compenso annuo pari a 55mila euro.

AUMENTO DI CAPITALE A2A ANNULLATO
Quali prospettive vi sono, alla luce di tutto questo, per la spa bresciana attiva nei multiservizi? Qualche delucidazione è stata data da Renato Ravanelli, direttore generale del gruppo. In effetti, a suo dire l’acquisizione di Edipower ha reso la stessa A2A il secondo operatore del comparto energetico a livello nazionale; il fatturato è ormai giunto a sei miliardi di euro l’anno, con un miliardo che è invece relativo al margine operativo industriale. Lo stesso Ravanelli, poi, ha ricordato come l’indebitamento, sebbene piuttosto alto, sia sotto controllo costante e sostenibile nel lungo termine.

NUOVE PROSPETTIVE PER A2A DOPO L’OPA EDF-EDISON

Un business interessante per la società lombarda potrebbe essere quello ambientale, più precisamente il recupero dal punto di vista energetico dal trattamento dei rifiuti di tipo urbano e industriale. Il giudizio complessivo della direzione generale è sostanzialmente buono, tenendo conto della solidità di A2A in questo preciso momento storico; il margine industriale dovrebbe crescere di venti punti percentuali in questo 2012 e vi sono addirittura più di due miliardi di euro per quel che concerne delle linee di credito, una preziosa fonte di finanziamento.

Lascia un commento