Antitrust avvia istruttoria su Alitalia – Windjet

di robertor Commenta

L’Antitrust ha avviato l’istruttoria per verificare se l’acquisizione di Windjet da parte di Alitalia possa o meno rappresentare un ostacolo alla concorrenza su 9 rotte nazionali. In particolare, afferma l’Authority in un recente comunicato, l’istruttoria analizzare le l’operazione di acquisto della compagnia Windjet da parte di quella di bandiera “sia in grado di eliminare o di ridurre in modo sostanziale la concorrenza”, a causa della sovrapposizione fra le attività delle compagnie sulle di seguito ricordate tratte.

A finire sotto le osservazioni dell’Antitrust sono le seguenti rotte: Catania-Bologna; Catania-Milano Linate; Catania-Milano Malpensa; Catania-Pisa; Catania-Roma; Catania-Venezia; Palermo-Milano; Palermo-Roma; Palermo-Torino. “Nel valutare la concentrazione” – spiega il Garante, le cui dichiarazioni sono state riportate da un recente articolo del Corriere – “andrà inoltre considerato il valore concorrenziale dell’acquisizione, da parte di Alitalia-CAI, di nuovi slot su uno scalo, quale quello di Milano Linate, dove gli slot sono contingentati a causa di vincoli strutturali e regolamentari”.

ALITALIA PERDE QUOTE DI MERCATO 2011

“Alitalia – CAI potrebbe infatti, nell’ambito delle proprie strategie di competizione nei confronti dei concorrenti, modificare la destinazione degli slot di Windjet” – prosegue l’Autorità, che precisa come “dovrà infine essere considerato anche il vantaggio competitivo che Alitalia-CAI otterrebbe dall’operazione, alla luce delle barriere all’entrata di natura economica e reputazionale caratteristiche del mercato del trasporto aereo passeggeri effettuato su voli di linea: WindJet rappresenta infatti da tempo uno dei più noti operatori low cost a livello nazionale e ha tradizionalmente concentrato le proprie attività sulle rotte da/verso la Sicilia, acquisendo una forte notorietà per i consumatori interessati a tali rotte”.

L’istruttoria dovrà concludersi entro i prossimi 45 giorni. La sua apertura non ha comunque sorpreso né le parti in causa né i principali osservatori di mercato, visto e considerato che l’avvio delle indagini era già stato preannunciato.

Lascia un commento