Alitalia perde quote mercato 2011

di robertor Commenta

Alitalia non è più la compagnia di bandiera italiana. Può essere una dichiarazione provocatoria (che abbiamo sostanzialmente “sottratto” all’editoriale de La Stampa di qualche giorno fa), ma è un dato di fatto, almeno a guardare i dati sui passeggeri transitati sugli aerei di Alitalia, e quelli che invece sono stati ospitati all’interno di quello che è divenuto il principale concorrente italiano della società, Ryanair.

Stando a quanto emerge dagli ultimi dati ufficiali, infatti, nel 2011 Ryanair avrebbe trasportato circa 28,1 milioni di persone, contro i 25 milioni di unità della compagnia di bandiera. Una differenza di 3 milioni di persone a beneficio della compagnia irlandese, che ha così concretizzato un sorpasso già tentato nel corso del 2010, quando raggiunse un volume di passeggeri italiani di poco inferiore a quello di Alitalia (il gap negativo su di sole 100 mila unità).

ANDREA RAGNETTI E’ IL NUOVO AD DI ALITALIA

Nel 2011, tuttavia, l’accelerazione dei passeggeri della compagnia irlandese ha permesso a Ryanair di scavalcare la prestazione di Alitalia. “Siamo diventati la compagnia aerea più grande d’Italia” – ha esultato il manager per il marketing e le vendite, Melisa Corrigan, ribadendo lo straordinario ritmo di crescita dello scorso anno (+ 20,3%).

La nuova sfida di Ryanair è ora quella di tagliare il traguardo dei 30 milioni di passeggeri, che entrambi i concorrenti hanno deciso di porre come target principale per il 2012. A cambiare è tuttavia la determinante fondamentale attraverso la quale le due aziende desiderano conseguire questo obiettivo: Ryanair attraverso il consueto taglio dei costi, per contenere i prezzi di mercato; Alitalia attraverso l’integrazione con i servizi di Blue Panorama e di Wind Jet, in attesa della pronuncia relativa dell’antitrust.

AIR FRANCE SPIAZZA ALITALIA CON IL SUO RISANAMENTO GLOBALE

Lascia un commento