Consob aggiorna black list delle posizioni finanziarie

di Redazione Commenta

Il regolamento di Piazza Affari e le direttive che nel corso degli anni sono state emanate dalla Consob (Commissione Nazionale di Società e Borsa) sono molto rigidi e precisi in merito al comportamento che le società quotate sono obbligate a tenere: in particolare, queste ultime devono rendere pubblico ogni tre mesi l’andamento relativo ai loro business e la situazione finanziaria complessiva. I due dati a cui si è appena fatto riferimento, inoltre, vengono accomunati da un unico documento, la cosiddetta “relazione trimestrale”.

PIANO DI RISTRUTTURAZIONE SEAT PAGINE GIALLE
Proprio ieri tale relazione ha fatto parlare di sé, anzi la Consob è da tempo propensa a richiedere un documento con una cadenza maggiore, visto che ogni singolo mese le trecento compagnie che sono quotate presso i listini di Borsa Italiana hanno l’obbligo di fornire al mercato stesso una informazione ancora più attuale, mettendo in luce l’evoluzione della loro situazione patrimoniale e finanziaria. Volendo essere ancora più precisi, si tratta di quelle società che negli ultimi tempi si sono caratterizzate soprattutto per il nervosismo e le tensioni in questo senso. Esiste a tal proposito una sorta di “black list”, una lista nera che ricomprende quelle aziende che non sono proprio nella loro fase finanziaria più brillante. Nello specifico, questo elenco include attualmente ventitre società quotate, un modo per capire su quali settori puntare per un investimento sicuro.

I RISCHI DELLE AZIONI CARIM SECONDO LA CONSOB

Una delle posizioni migliori è sicuramente quella di Cell Therapeutics, nonostante le risorse a disposizione non siano poi così alte, visto che sono passate da 32,5 a 27,8 milioni di euro. Il debito ingente di Seat Pagine Gialle è cosa nota e secondo questa lista è addirittura aumentato, anche se non di molto, attestandosi a quota 2,75 miliardi di euro. Tra i vari nomi si trova anche quello di Tiscali, con 204 milioni di euro di indebitamento, mentre quello di Zucchi è sostanzialmente aumentato.

Lascia un commento