Vendite Fiat negli USA +642% a marzo 2012

di Redazione Commenta

Dopo aver ingoiato il boccone amaro del crollo delle vendite in Italia, il gruppo Fiat si rifà con gli interessi sul mercato americano dove la casa automobilistica torinese continua a mostrare una crescita da capogiro. Il gruppo del Lingotto ha dovuto fare i conti con una brusca flessione del 35,6% delle immatricolazioni a marzo e con la perdita di una fetta della quota di mercato passata al 26% dal 28,3% di febbraio. I dati di Fiat in Italia fanno rumore perché peggiori del mercato, che ha evidenziato un calo del 26,72%.

Negli Stati Uniti, però, le cose vanno decisamente meglio. A marzo le vendite sono cresciute del 642%. Nuovo record di vendite su base mensile (il secondo da inizio anno) con 3.712 unità vendute, superando così il record di febbraio. Il boom è dovuto alle vendite del modello Fiat 500, ad un anno dal ritorno negli USA del marchio del Lingotto. Molto bene anche tutti i marchi della controllata americana Chrysler, tra cui Jeep, Dodge e Ram Track, con le vendite nettamente superiori a quelle dello scorso anno.

PREVISIONI TITOLO FIAT APRILE 2012

La casa automobilistica di Detroit ha fatto meglio del mercato e a marzo ha visto una crescita delle vendite del 34% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno a 163.381 unità. Si tratta del mese migliore degli ultimi quattro anni, il ventiquattresimo mese consecutivo di aumenti e il decimo mese consecutivo di miglioramenti di almeno il 20%. Chrysler sta facendo meglio del mercato da ben 13 mesi consecutivi.

LA FIAT RIMANE IN ITALIA

Lascia un commento