Apple sui minimi a 10 mesi dopo downgrade Citi

di Redazione Commenta

La banca d’affari americana Citigroup ha deciso di tagliare la sua raccomandazione sul titolo Apple, abbassando sia il rating che il prezzo obiettivo. Secondo gli analisti finanziari di Citi, le azioni della società hi-tech di Cupertino non sono più da comprare. Il rating passa a “neutral” dalla precedente valutazione “buy”. Abbassato anche il target price, che in precedenza era di 675 dollari per azione. La nuova valutazione assegnata da Citi alle azioni Apple è di 575 dollari. Ieri nel pre-market Apple quotava addirittura sotto 500 dollari, poi ha aperto a 508,92 dollari.

Il downgrade di Citigroup non ha pesato, però, sulla performance finale del titolo, che in chiusura alla borsa di New York mostrava un rialzo dell’1,77% a 518,83 dollari. Tuttavia, nell’intraday i prezzi erano scesi fino a 501,23 dollari, ovvero il livello più basso degli ultimi 10 mesi. Dai massimi storici di 705,07 dollari, toccati lo scorso 21 settembre, il titolo Apple ha perso il 36% circa del suo valore. La recente discesa in borsa non ha fatto, però, perdere alla società la posizione di azienda con la maggiore capitalizzazione di borsa del pianeta.

INVESTIRE IN APPLE A DICEMBRE 2012

Gli analisti di Citi hanno suggerito ad Apple “di cercare dei nuovi vincitori nel mercato di smartphone e tablet”. Le dichiarazioni degli esperti del colosso finanziario americano arrivano a seguito del taglio delle stime sull’assemblatore asiatico di iPhone per Apple, ovvero Hon Hai, che è stato bocciato da Citi. Secondo quanto affermato da Kevin Chang, analista di Citigroup, c’è il rischio di un ritardo delle consegne di iPhone per Hon Hai nel periodo ottobre-dicembre (45 milioni di pezzi anziché 47 milioni).

PROFITTI TRIMESTRALI APPLE AUMENTANO DEL 94%

Il ritardo nelle consegne dovrebbe essere maggiore nel primo trimestre del 2013, a 26 milioni di pezzi anziché 38 milioni. Nel secondo trimestre 2013 la previsione di consegna è di 20 milioni di pezzi anziché 30 milioni. Ad ogni modo finora non ci sono segnali di un tramonto dell’astro della società hi-tech di Cupertino. Come ha fatto notare anche Tim Cook, amministratore delegato di Apple, la società ha venduto più di 2 milioni di smartphone in Cina nell’ultimo fine settimana di commercializzazione. Numeri che restano assolutamente da record.

Lascia un commento