Investire in Apple dicembre 2012

A partire dal prossimo anno, Apple tornerà a fabbricare i Mac negli Stati Uniti per la prima volta dagli anni Novanta. La società di Cupertino aveva spostato quasi tutta la produzione in Asia per beneficiare dei bassi costi del lavoro. Ora l’azienda con la maggiore capitalizzazione di mercato al mondo vuole puntare a un ruolo di leadership nella campagna di reindustrializzazione degli Stati Uniti, così i suoi pc torneranno ad essere made in USA. Intanto, a Wall Street, il titolo Apple ha chiuso ieri con un rialzo dell’1,57% a 547,24 dollari.

Ieri le azioni Apple, quotate sul Nasdaq con il ticker AAPL, erano scese sui minimi più bassi da oltre due settimane poco sotto 520 dollari. Lo scorso 16 novembre il titolo Apple aveva toccato il minimo più basso dallo scorso febbraio a 505,75 dollari. Due giorni fa il titolo aveva perso il 6,5% circa in una sola seduta, registrando così il peggior calo giornaliero da quasi 4 anni. Da fine settembre scorso il titolo è in grandi difficoltà alla borsa di New York.

MARC FABER: PREVISIONI DI BORSA 2013

Dopo aver toccato il massimo storico a 705,07 dollari lo scorso 21 settembre, le azioni sono crollate fino a perdere quasi il 40% in meno di due mesi. Forse anche per spostare il focus su un altro argomento, l’amministratore delegato Tim Cook ha annunciato il piano di investimenti e il ritorno della produzione dei Mac negli Stati Uniti. Apple è nota per la sua segretezza, per cui l’annuncio potrebbe essere inquadrato proprio come una mossa per allontanare la speculazione ribassista sul titolo.

PREVISIONI PREZZO ORO 2013-2014 SECONDO BNP PARIBAS

Negli ultimi due mesi circa Apple ha perso oltre 120 miliardi di dollari di capitalizzazione, l’equivalente del pil del Kuwait. Secondo molti analisti finanziari il calo dei prezzi è spinto soprattutto da motivazioni tecniche, dopo il raggiungimento di nuovi picchi assoluti a settembre scorso. Secondo Gabriele Roghi di Invest Banca, le aziende hi-tech sono costrette a inventarsi sempre qualcosa di nuovo per mantenere la leadership del mercato, ma il recente calo dei prezzi è assolutamente fisiologico.

Lascia un commento