Le borse ancora giù. Scende anche lo spread tra Btp e Bund tedeschi

di Daniele Pace Commenta

Ore 13.10. Le Borse europee continuano la loro discesa, influenzate dalla brutta prestazione di New York, dopo che alcuni analisti hanno parlato di fragilità della tregua commerciale tra Cina e USA.

Il Dow Jones è crollato del 3,10% e il Nasdaq del 3,80%.

Anche Tokyo conosce un’altra battuta d’arresto, chiudendo a -0,53%, con Hong Kong che invece crolla dell’1,62%, e Shanghai dello 0,62%.

Le borse europee

In Europa le borse vanno in rosso, tranne Milano, dove i bancari risalgono grazie al calo dello spread. Piazza Affari sale dello 0,16%, mentre crollano Londra (-1,11%), Francoforte (0,66%), Parigi (-0,73%) e Zurigo (-0,83%).

Bene lo spread italiano che riesce a limare fino a 281 punti base, scendendo di 8 punti rispetto a ieri. Il rendimento decennale va ora a poco più del 3%. Scende l’euro a 1,1332 dollari e 128,12 yen.
Oggi sono stati comunicati i dati sull’attività dei servizi in Italia nell’ultimo mese, con un dato leggermente positivo, con l’indice Pmi, calcolato da Markit/Adaci a 50,3 punti (+1,1 mensile). L’indice Pmi dei servizi tedesco invece scende a 53,3 punti. Scende anche la pressione fiscale italiana (42,4%, dati Ocse)
Inverte la rotta il petrolio, con il Wti che scende a 52,47 dollari e il Brent a 61,07 dollari al barile (meno un dollaro rispetto a ieri).