Mercedes paga 500 milioni per flop tecnico

di Redazione Commenta

Stando a quanto affermato dal Frankfurter Allgemeine Zeitung, Mercedes avrebbe speso circa 500 milioni di euro per riparare i motori difettosi disposti sul mercato tra il 2008 e il 2009. Una spesa di straordinaria entità, che la compagnia auto tedesca sta pagando a carissimo prezzo. Sarebbero stati almeno 300 mila, infatti, le visite che i clienti della società europea hanno dovuto effettuare nelle officine per poter sostituire le parti difettose al motore della vettura. Ma quale sarà il peso di questo flop tecnico e di immagine sui conti dell’azienda?

Il quotidiano tedesco, che ha ricostruito la vicenda, rivela come il responsabile del flop non sia la Mercedes, quanto un subfornitore americano che avrebbe distribuito alla compagnia degli iniettori non idonei. A causa di tale inconveniente, il motore turbodiesel avrebbe attivato ogni volta la modalità di emergenza. Con l’attribuzione della sostanziale responsabilità a un partner d’oltre Oceano Mercedes cerca di decolpevolizzare le proprie strutture, ma l’impressione è che oramai il pregiudizio sia stato diffuso a livello internazionale.

Sempre secondo la ricostruzione, i modelli coinvolti sarebbero stati principalmente la Classe C e la Classe E. Il giornale di Francoforte rivela tuttavia che i problemi sarebbero stati riscontrati anche in tutte le serie dotate con il motore diesel a 4 cilindri OM651. Stando a quanto affermato dal portavoce Jorg Howe, le cui dichiarazioni sono state recentemente riportate sul sito internet del Corriere della Sera, “si tratta di problemi che si sono verificati soprattutto negli anni 2008 e 2009”.

“La FAZ, secondo quanto riferito dalla casa automobilistica tedesca, rivela che il danno ammonta a oltre mezzo miliardo di euro. Ciononostante, la casa di Stoccarda non dovrà sostenere da sola gli enormi costi: il produttore degli iniettori difettosi è infatti la società statunitense Delphi, fornitore leader nel settore automobilistico, che avrebbe già partecipato alle spese con 100 milioni di euro” – dichiara in merito corriere.it – “In quale misura le due aziende debbano farsi carico dei costi, resta ancora oggetto di trattativa. Nel solo anno passato Mercedes ha venduto oltre 400.000 autovetture con questo tipo di motore. La causa che ha provocato il guasto degli iniettori non è ancora stata completamente appurata. Daimler aveva investito circa mezzo miliardo di euro nello sviluppo del motore”.

Qui abbiamo parlato della compagnia tedesca: BMW supera Mercedes nelle vendite americane.

Lascia un commento