Bmw e Audi alla conquista del mercato automobilistico cinese

di Redazione 1

La Cina si appresta a diventare il secondo maggior mercato mondiale per quel che concerne le auto di lusso: il sorpasso ai danni della Germania (la leadership spetta ancora agli Stati Uniti) dovrebbe avvenire entro la fine di questo 2011, grazie soprattutto all’ottima domanda per due brand, Bmw e Audi. In effetti, il numero di vetture lussuose vendute nell’ex Impero Celeste quest’anno potrebbe addirittura salire del 39%, attestandosi a quota 939mila unità; al contrario, le vetture tedesche si fermeranno a 914mila unità, come confermato da diversi analisti ed economisti. Inoltre, le vendite nello stato asiatico sono destinate a crescere anche nel corso del 2012 (+16%), ben quattro volte al di sopra dei ritmi della Germania.

Le due compagnie teutoniche contribuiranno paradossalmente all’espansione cinese, anche perché l’Europa è ancora caratterizzata da una profonda recessione. La situazione è piuttosto chiara, a Pechino e dintorni si assiste a un incremento della domanda in questione, anche se a tassi di penetrazione ancora non troppo elevati, mentre le vendite in mercati più sviluppati come quello tedesco continuano a fluttuare in maniera pericolosa insieme al ciclo economico. Tra l’altro, Audi sta anche tentando di superare Bmw come principale venditore globale di macchine di lusso entro il 2015 (il secondo posto è stato raggiunto proprio nel corso di quest’anno ai danni di Daimler).

C’è comunque da dire che il mese di novembre è stato caratterizzato da un rialzo generalizzato per quel che riguarda tutte e tre le compagnie: in particolare, Audi ha fatto registrare un incoraggiante +69% rispetto al 2010, Bmw è cresciuta di quasi dieci punti percentuali, mentre i guadagni di Mercedes si sono fermati al 24%. D’altronde non è un mistero che la Cina stessa stia puntando con decisione al primo posto americano: il 2011 a stelle e strisce dovrebbe essere caratterizzato da un rialzo del 18%, con 1,65 milioni di vetture in vendita e ottime prospettive di domanda.

Commenti (1)

Lascia un commento