Cina vuole raddoppiare il pil entro il 2020

di Redazione Commenta

La Cina sta attraversando una fase di transizione storica fondamentale per il suo futuro, dopo un decennio costante di crescita a ritmi spettacolari che hanno portato il Dragone a diventare la seconda potenza economica mondiale alle spalle degli Stati Uniti. Ora è iniziato il 18-esimo Congresso del Partito Comunista Cinese (Pcc), il più grande e potente del mondo. Saranno nominati i leader dei prossimi dieci anni. Il presidente uscente Hu Jintao lascerà il posto a Xi Jinping, che darà il via a un nuovo modello di crescita.

La Cina vuole portare avanti un progetto ambizioso, ovvero raddoppiare il pil entro il 2020 puntando più sui consumi interni che sull’export e aumentando il tenore di vita medio della popolazione. Il compito non sarà semplice, in quanto potrebbe essere raggiunto soltanto con una crescita del pil medio annuo del 7,5%. Il paese vuole puntare sui consumi interni, ma secondo gli analisti questa componente è ancora troppo debole a causa di un sistema di welfare state poco sviluppato che costringe i lavoratori a risparmiare il più possibile piuttosto che consumare.

Hu Jinato, all’apertura del Congresso nella Grande sala del popolo a Piazza Tienanmen, ha parlato ai duemila delegati del Pcc puntando il dito contro la corruzione che, secondo il presidente uscente cinese, rischia di “portare al fallimento del partito e dello stato”. La guida del governo sarà ora nelle mani di Xi Jinping e del nuovo premier Li Keqiang, sui quali gli esperti nutrono qualche dubbio sulle reali capacità di condurre la Cina lungo il sentiero delle sfide politiche, sociali ed economiche.

I due nuovi leader dovranno fronteggiare le lobby che si sono create in Cina durante il boom dell’ultimo decennio, in particolare nel settore immobiliare e tra le grandi aziende statali presenti nei principali settori dell’economia (energia in primis). Intanto, Liu Shyiu, vice-governatore della People’s Bank of China, ha dichiarato che l’economia cinese si è stabilizzata nel quarto trimestre del 2012 e che quest’anno il pil salirà del 7,5%, un tasso ritenuto indispensabile per mantenere i livelli attuali di occupazione e per evitare disordini sociali.

Lascia un commento