Bolletta luce e gas, come risparmiare

di Valentina Cervelli Commenta

Come risparmiare sulla bolletta luce e gas ora che l’attacco della Russia nei confronti dell’Ucraina ha portato degli ulteriori rincari nel mercato dedicato? Vediamo insieme come gestire i consumi e risparmiare.

Costi bolletta luce e gas

Per evitare che i costi della bolletta salgano troppo è necessario agire sulla propria routine quotidiana, tentando di salvare più energia e gas possibile. Certo, è sicuramente necessario un intervento a monte da parte delle autorità italiane per rendere il nostro paese più indipendente dal punto di vista energetico: nel frattempo però bisogna regolarsi con i consumi.

La prima cosa da fare per riuscire a limitare i costi della bolletta luce e gas è senza dubbio diventare consapevoli dei propri consumi e questo significa imparare a leggere i contatori. Avendo una idea di ciò che si consuma in specifiche fasce orarie ci si può regolare nell’eseguire specifiche azioni nei momenti in cui costano di meno: pensiamo alla lavatrice e alla lavastoviglie.

Più in generale si può provate a ridurre i consumi puntando sull’uso di apparecchiature moderne che consentono un risparmio proprio per via della loro natura, essendo pensati per classi energetiche più performanti. Soprattutto per quel che concerne il riscaldamento si può imparare, in un contesto autonomo e non condominiale, a ottimizzare l’uso del gas o dell’elettricità.

Nel caso si abbia un camino si può affidare allo stesso parte del riscaldamento della casa: sarà necessario prestare più attenzione e “seguire” il fuoco, ma il risparmio sarà importane.

Come regolarsi con i principali elettrodomestici

Per quel che riguarda il risparmio sulla bolletta luce e gas è importante ricordare che gli elettrodomestici che consumano di più sono quelli che producono calore perché hanno al loro interno delle resistenze e quindi il forno elettrico, il ferro da stiro, la lavastoviglie, la lavatrice e tanto altro ancora.

Questo presuppone un utilizzo più saggio dei suddetti dispositivi e ciò corrisponde generalmente alla selezione di una temperatura più bassa sia per quel che concerne lo scaldabagno che i programmi di lavastoviglie e lavatrice. Puntando su programmi ecologici si scalda di meno e di conseguenza si consuma di meno. E sopratutto i programmi devono essere eseguiti a pieno carico.

Si può risparmiare anche riducendo l’apertura delle porte del frigorifero, evitando in questo modo che lo stesso consumi di più per mantenere stabile la temperatura. E per quel che concerne il forno elettrico, meglio puntare su forme alternative di cottura. E se tenere i televisori spenti piuttosto che in stand by risulta problematico, perlomeno in materia di riscaldamento, optate per una accensione a tempo dell’impianto e non 24 ore su 24.