Carte prepagate, le differenze con le carte di credito

di Sandro Argenti Commenta

Le carte prepagate sono carte ricaricabili che si differenziano dalle carte di debito (o carta Bancomat) e carte di credito. Solitamente il pagamento viene addebitato istantaneamente.

Molte carte prepagate sono legate ad un conto corrente bancario e adoperano gli stessi circuiti delle carte di credito (i più utilizzati sono VISA Electron e MasterCard). Negli ultimi anni sono nate delle carte prepagate evolute che hanno anche le principali funzioni di un conto corrente, ad esempio: il codice IBAN, la possibilità di effettuare e ricevere bonifici.

La carta prepagata più diffusa in Italia è la Postepay, con circuito VISA Electron, distribuita dalle poste. Ma sono diverse le offerte convenienti in questo mese di marzo.

Contocarta di Deutsche Bank Easy è la carta prepagata ricaricabile che ha in sè le più importanti funzionalità che normalmente invece contraddistinguono un conto corrente, è dotata di codice Iban, consente di pagare bollette e utenze, effettuare bonifici, pagamenti e acquisti anche on line, versamenti e prelievi, ed infine accreditare lo stipendio o la pensione.

L’Antitrust mette in luce la crescita delle carte prepagate

BperCard Karica, è la carta prepagata ricaricabile, utilizzabile in Italia e con cui si può prelevare contante e pagare gli acquisti negli Atm e Pos che sono collegati ai circuiti Bancomat/Pagobancomat.

BperCard Karica è sicura, perchè tutte le operazioni necessitano del codice segreto Pin, ha una validità di 3 anni, prevede un costo, al rilascio, di soli 6 euro, e si può ricaricare nelle filiali della propria Banca o gli sportelli bancomat del circuito QuiMultibanca.

Ubi Banca lancia invece Carta Enjoy, del circuito MasterCard, che per piccoli importi consente di pagare semplicemente avvicinando la carta all’apposito lettore Pos, senza digitare il Pin o firmare lo scontrino, con la tecnologia contactless di MasterCard.