Spread, perché è così alto?

di Redazione Commenta

Nel suo periodico aggiornamento sul Fiscal monitor, il Fondo Monetario Internazionale ha affermato che l’ampio spread che separa il rendimento dei  titoli di Stato italiani da quelli tedeschi è ingiustificato almeno per quanto concerne 200 punti, che non sarebbero pertanto supportati dalla scarsa qualità degli elementi di lungo termine del bilancio e dell’economia del Paese. In altri termini, lo spread – che da tempo oscilla tra 400 e 500 punti – è per buona parte influenzato da elementi non strutturali.

In altri termini ancora, lo spread sarebbe in discreta quota figlio di un atteggiamento speculativo sul Paese, visto e considerato che non riflette il reale rischio di investire in Italia. Lo spread è infatti il differenziale che rappresenta quanto occorre remunerare in più un investitore in debito pubblico italiano, rispetto a quanto avviene nei confronti del debito tedesco, considerato – a ragione, ma pur con certi limiti – quale controparte più solvibile del vecchio Continente.

Ebbene, il Fondo Monetario Internazionale si dice convinto che solo poco più della metà dello spread dipenda dall’economia italiana: Pil, debito pubblico, deficit pubblico, tasso di disoccupazione, tasso di occupazione, bilancia commerciale, produzione industriale, indice dei prezzi al consumo e dei prezzi alla produzione, indice dei beni durevoli sono certamente variabili macroeconomiche in grado di influenzare negativamente il differenziale.

Eppure c’è altro e, almeno a quanto afferma l’istituto guidato da Lagarde, tanto altro. Per l’istituzione internazionale, quanto sta accadendo è la conferma che il differenziale di rendimento dei titoli di Stato italiani con quelli tedeschi è frutto di un atteggiamento speculativo, che potrebbe altresì tradursi in un comportamento di lungo termine sul debito italiano. E se le variabili macroeconomiche non saranno sufficientemente positive da contrastare le nubi intorno a Roma, è probabile che l’estate 2012 possa tramutarsi in un bagno di sangue per la remunerazione del debito sovrano.

Lascia un commento