Come funzionano i Conti deposito

di Sandro Argenti Commenta

Per l’apertura di  un conto deposito,  il cliente deve già essere possessore di  un altro rapporto di conto corrente tradizionale presso un istituto finanziario. Quindi in base a un rendimento già fissato in anticipo, il sottoscrittore accetta di immettere il proprio risparmio in questo conto senza usarlo per un periodo prestabilito, solitamente il minimo è tre mesi, il massimo è 30.I migliori conti deposito ad elevato rendimento

Gli istituti di credito che propongono questo prodotto, investono il contante depositato dai clienti in strumenti finanziari a basso rischio, ma con un rendimento superiore o almeno pari a quello offerto ai depositanti. Solitamente, li investono in obbligazioni, titoli di Stato e prestiti, soprattutto nella forma di mutui a privati e imprese. Se un conto deposito rende il 3% significa che il gestore ha investito in un prodotto che rende più del 3%, o il 3% (nessuna perdita). Quindi, anche se la strategia di investimento ha un costo maggiore, il fine è quello di acquisire nuovi clienti tramite offerte promozionali.

Investire sicuro con rendimenti elevati, la scelta dai Btp ai conti liquidità
I conti deposito hanno conosciuto una grande crescita negli ultimi anni, grazie soprattutto agli ottimi rendimenti. Oggi il contesto sta cambiando. Nell’ultimo anno, i rendimenti medi sono calati di circa un terzo, penalizzando soprattutto i vincoli a breve termine.
E la Legge di Stabilità ha aumentato l’imposta di bollo per i conti correnti e deposito. Da gennaio si è andati dallo 0,15% allo 0,2%, senza più il minimo di 34,20 euro (sono esentati i conti con una giacenza media annuale inferiore a 5.000 euro).
Ma sebbene questo rialzo ciò che continua a spingere sempre più risparmiatori verso questi prodotti è la garanzia data dal Fondo interbancario di tutela dei depositi (Fitd) che, ad esempio, i fondi comuni non hanno.