Il segreto di Bmw contro la recessione

di Simone Ricci 1

Il momento economico è critico per qualsiasi settore industriale, eppure gli stabilimenti della Bmw sono riusciti a conseguire dei veri e propri record di produzione: alcune spedizioni di veicoli dovranno attendere ancora il 2012, ma c’è un moderato ottimismo presso la casa di Monaco di Baviera. Secondo l’ad Friedrich Eichiner, tra l’altro, l’azienda non mostra nessun segno di cedimento o di recessione, con gli impianti che lavorano a pieno regime. Nel dettaglio, le vendite del colosso teutonico sono aumentate del 7,4% nel corso del mese di agosto, attestandosi a quota 110.891 veicoli: uno dei meriti principali va ascritto al modello X3, il suv che sta riscuotendo un ottimo successo, nonostante il prezzo sia piuttosto elevato, circa 40mila euro.

Si può comunque dire che il periodo è dorato non solo per Bmw, ma anche per altre compagnie automobilistiche tedesche, quali Daimler, Volkswagen e Mercedes Benz, le quali hanno stimato delle vendite in aumento per quest’anno: la domanda proveniente dalla Cina è un propulsore fondamentale, con dei livelli interessanti raggiunti nel settore del lusso. L’outlook è dunque incoraggiante, anche se il titolo della stessa Bmw ha ceduto ben ventitre punti percentuali negli ultimi due mesi, conseguenza diretta dell’incertezza che vive l’eurozona. Eichiner ha invitato quindi a prestare la massima attenzione da questo punto di vista, visto che le decisioni in questo campo sono spesso di tipo emotivo e un rallentamento è sempre dietro l’angolo.

I nuovi prodotti come le Serie 5 e il suv compatto X1 permettono per il momento di mantenere una domanda buona, considerato il fatto che il resto del comparto è invece caratterizzato dall’incertezza; bisogna anche aggiungere che la prossima settimana verrà aperto a Francoforte l’International Motor Show, pertanto vi sarà una nuova occasione per presentare i propri modelli. L’obiettivo principale, infine, rimane quello di potenziare le vendite complessive a oltre due milioni di unità entro il 2020.

Commenti (1)

Lascia un commento