Honda e Nissan consolidano le vendite nel mercato statunitense: GM, Ford e Chrysler inseguono

di Redazione 2

La Honda Motor Co. è riuscita a superare la Chrysler LLC in agosto al quarto posto nella classifica delle vendite statunitensi di autovetture, dopo che i suoi veicoli hanno conquistato una fetta di mercato approfittando del rallentamento dell’industria. I marchi asiatici, guidati dalla Nissan Motor Co. che, con un guadagno del 14% ha fatto salire le vendite negli Stati Uniti del 47,3%, hanno battuto l’andamento delle vendite dei marchi statunitensi come General Motors Corp. e Ford Motor Co.. La Honda, che ha sede a Tokyo, potrebbe conservare il quarto posto conquistato attualmente, dato che un’economia debole e i prezzi della benzina stanno riducendo la domanda di camion e furgoni.

Le vendite della Honda negli Stati Uniti per il 2008 sono superiori agli 1,7 punti percentuali, mentre quelle della Chrysler sono scese addirittura del 24%. La casa automobilistica giapponese, che rappresenta la seconda maggiore compagnia in questo settore del mondo, ha venduto 1.083 milioni di vetture negli Stati Uniti fino al mese di agosto, paragonato ai 1.076 milioni di veicoli venduti dalla Chrysler.

La Honda ha accresciuto le sue vendite annuali ogni anno, e questa crescita continua è cominciata nel 1994: la società ha avuto tale imponente volume di vendite anche in Giappone lo scorso mese, quando è stato lanciato sul mercato il nuovo modello compatto della Honda Fit. Per quanto riguarda la Nissan, invece, lo scorso mese le sue vendite sono cresciute dell’8,7%, un miglioramento  di 2,2 punti: la società ha così rafforzato il suo sesto posto negli Stati Uniti come volume di vendita.

Jesse Toprak, direttore di analisi industriali e di ricerche sul mercato, è convinto che la Honda e la Nissan diverranno le uniche grandi compagnie automobilistiche che possono riportare risultati positivi nel mercato americano. I guadagni ottenuti dalle due società sono sicuramente più che positivi in questo tipo di economia dove le perdite nelle vendite sono consistenti.

Commenti (2)

Lascia un commento