Usa di nuovo prima economia mondiale

di Sandro Argenti Commenta

Il prodotto interno statunitense durante il terzo trimestre è cresciuto del 5%.

Gli Stati Uniti d’America sono definitivamente fuori dal periodo di crisi economica? Molto probabilmente, si. Perché’

Il prodotto interno statunitense durante il terzo trimestre è cresciuto del 5%. A rilevarlo è il Dipartimento del Commercio, il quale ha rivalutato al rialzo la stima riguardante il secondo trimestre che si era attestata al 3,9%. Il dato è superiore alle aspettative degli esperti finanziari. Il +5% del pil statunitense durante il terzo trimestre si configura come l’incremento maggiore dal terzo trimestre del 2003. Dalla Casa Bianca, gli analisti fanno sapere:

La revisione del pil nel terzo trimestre indica che l’economia è cresciuta al tasso più veloce da oltre un decennio. Il 2014 è stato l’anno della svolta per gli Stati Uniti ma c’è ancora molto da fare per assicurarsi che tutti gli americani possano condividere la ripresa. Brindano le Borse, con Wall Street che ha festeggiato superando di slancio quota 18 mila punti per la prima volta nella storia. Il Dow Jones, l’indice principale della Borsa newyorchese, ha poi chiuso in rialzo dello 0,36% a 18.024,04 punti. Dai minimi storici del marzo 2009, il Dow Jones è salito del 178%. Record anche per l’indice S&P 500 che cresce dello 0,18% a 2082,20 punti. In calo, invece, l’indice Nasdaq che scende dello 0,33% a 4765,42 punti.

Per quanto concerne il prodotto interno lordo degli Usa, anche se il ritmo di crescita dovrebbe essere destinato a calare nel quarto trimestre, un rapido rinvigorimento del mercato del lavoro e un calo dei prezzi dei carburanti dovrebbero fornire abbastanza energia all’economia nel 2015 così da lasciare stabile l’orientamento della Federal Reserve di iniziare ad alzare i tassi di interesse entro metà dell’anno che verrà. A evidenziare la robustezza dei fondamentali economici, la crescita della domanda interna è stata rivista al rialzo al 4,1% nel terzo trimestre, in confronto al precedente 3,2%.