Si avvicina la distribuzione del dividendo Bper

di Simone Ricci Commenta

Le deliberazioni assembleari da parte della Banca Popolare dell’Emilia Romagna (solitamente abbreviata in Bper) risalgono allo scorso 21 aprile, ma ora cominciano a entrare nel vivo: in effetti, fra otto giorni esatti sarà possibile mettere in pagamento a tutti quei soggetti che ne hanno il diritto il dividendo che si riferisce all’esercizio 2011. In pratica, come è stato stabilito dallo stesso istituto di credito emiliano, l’importo in questione beneficia di una composizione particolare, vale a dire una parte in denaro contante e il resto in titoli della banca. È ancora più vicina, poi, la data relativa allo stacco delle cedole; nello specifico, si tratta di due di esse, la numero 29, la quale fa espresso riferimento al pagamento del dividendo attraverso il denaro cash, e la numero 30, utile invece per il versamento attraverso i titoli azionari.

BPER: VIA LIBERA A PIANO DI RAFFORZAMENTO PATRIMONIALE
Tra l’altro, bisogna anche ricordare che la parte in contanti sarà associata alla distribuzione di un totale di tre centesimi di euro per ogni singolo titolo azionario di tipo ordinario, con il godimento che sarà pieno alla data dello stacco della cedola; l’ammontare, al contrario, scende a 0,015 euro nel caso di altre 260 azioni che vantano un godimento alla data dello scorso 1° luglio, vale a dire quelle che sono risultate dalla conversione anticipata dei titoli obbligazionari convertibili al tasso del 3,70%.

BANCA DI SASSARI AUMENTA IL DIVIDENDO

Ritornando alla compagine azionaria, occorre aggiungere che l’assegnazione avverrà secondo la proporzione di un’azione ordinaria (il valore è pari a tre euro a testa) ogni settanta che sono in possesso, per un importo totale di 4,679 milioni di titoli ordinari, da prelevare per intero dalle azioni proprie in portafoglio. Ciò significa anche che vi sarà una riduzione importante delle riserve. Il godimento delle azioni proprie partirà dallo scorso 1° gennaio, senza alcun utile in natura ai fini del fisco.

Lascia un commento