Previsioni Prysmian 2013

di Redazione Commenta

Secondo quanto affermato dalla stessa società, il primo semestre del 2013 di Prysmian si sarebbe chiuso con un risultato calo. Tuttavia, l’incremento del portafoglio ordini delle attività Power Transmission sembra conferire il giusto ottimismo al produttore di cavi, che prevede un recupero della redditività nel secondo semestre, e che per l’intero esercizio stima un ebitda rettificato compreso tra i 600 e i 650 milioni di euro.

Tra gli altri principali dati conseguiti, il quotidiano MF ricorda “un mol adjusted sceso dell’8,3% a 282 milioni nei primi sei mesi dell’anno, comunque in linea con le attese del consenso (280 milioni)”. Soddisfa, poichè è migliore di quanto precedentemente previsto, l’utile netto pari a 115 milioni contro i 108 milioni di euro delle previsioni, con una riduzione del 10,9 per cento. I ricavi sono in flessione del 5,3 per cento a 3,622 miliardi di euro, contro i 3,632 miliardi di euro del consensus.

Migliorano anche i flussi di cassa che sono stati generati nel periodo dalle attività operative, e la posizione finanziaria netta (che al 30 giugno 2013 era comunque negativa per più di 1,2 miliardi di euro, in linea con le attese degli analisti).

Il portafoglio ordini delle attività Power Transmission (produzione e posa di cavi ad alta tensione terrestri e sottomarini) – ricorda ancora il quotidiano Milano Finanza – “è salito a oltre 2,8 miliardi di euro e quindi per il secondo semestre, l’ad di Prysmian, Valerio Battista, si attende un ulteriore miglioramento della redditività” (vedi anche questo nostro approfondimento su cosa accadde a Prysmian dopo il warning dello stesso ad).

Infine, con l’obiettivo di poter giungere al conseguimento dei target attesi per l’intero esercizio, il gruppo ha altresì confermato la focalizzazione del proprio impegno sul contenimento dei costi, la razionalizzazione della struttura organizzativa e produttiva, e le sinergie con la Draka (cresciute a 175 milioni di euro). Risultati positivi dovrebbero infine pervenire dalle azioni commerciali di valorizzazione della gamma prodotti e dalla customer service.