Recordati aggiorna massimi storici a Piazza Affari

di Redazione Commenta

Il titolo Recordati non finisce mai di stupire. A Piazza Affari le azioni della società farmaceutica continuano a salire incessantemente e anche ieri hanno aggiornato i massimi storici. Spinto anche da buoni volumi di scambio, il titolo Recordati (ticker: “REC”) ha toccato un nuovo record assoluto a 8,195 euro portando la performance a dodici mesi sopra il 65%. A dare slancio al titolo in borsa ci hanno pensato i conti trimestrali superiori alle attese, ma anche il miglioramento della guidance 2013 e il lancio del piano di buyback.

Il riacquisto di azioni proprie sarà effettuato su un totale di 2 milioni di azioni, corrispondenti allo 0,96% del capitale. Il titolo continua a piacere molto agli analisti finanziari che, nonostante il raggiungimento di traguardi importanti in borsa, restano molto ottimisti sulla possibilità che possano essere realizzati nuovi record. In particolare, la quotazione del titolo Recordati viene giudicata ancora inferiore al suo fair value. E pensare che dopo il crack di Lehman Brothers, il titolo crollò a 2,8 euro.

INTESA SANAPAOLO: UTILE PRIMO TRIMESTRE 22013 BATTE LE STIME

Da quel livello minimo il valore delle azioni è quasi triplicato in meno di cinque anni. Gli specialisti di Mediobanca sottolineano la capacità di generazione di cassa della società e la concreta possibilità di un aumento del dividendo per l’esercizio in corso. Gli analisti della merchant bank di Piazzetta Cuccia hanno un giudizio “outperform”, ovvero farà meglio del mercato, mentre il target price è stato aumentato a 9 euro dalla precedente valutazione di 8,65 euro. Secondo Credit Suisse, invece, il titolo Recordati vale 8,4 euro.

UNICREDIT: PRIMA TRIMESTRALE 2013 SUPERIORE ALLE ATTESE

La banca d’affari svizzera si aspetta un dividendo sostenibile e una graduale strategia di espansione sui mercati emergenti con alto tasso di crescita. La raccomandazione sul titolo resta invariata a “neutral”, in quanto secondo gli analisti di Credit Suisse c’è una limitata possibilità di re-rating. La banca di investimenti newyorkese Goldman Sachs, invece, assegna un target price di 8,8 euro, come del resto Banca Akros, mentre secondo gli esperti di Intermonte le azioni Recordati valgono 8,75 euro.