Bce taglia tassi di interesse allo 0,5%

di ND82 Commenta

bceLa Banca Centrale Europea ha annunciato di aver tagliato i tassi di interesse nell’area euro di 25 basis point allo 0,5% dallo 0,75%. Si tratta del nuovo minimo storico. L’ultimo taglio del costo del denaro era avvenuto nel luglio 2012, nel bel mezzo della crisi del debito europeo, che portò l’Eurotower ad abbassare il tasso Refi di un quarto di punto allo 0,75%. La decisione era attesa dalla maggior parte degli analisti finanziari, anche se c’era ancora chi riteneva più probabile un taglio dei tassi a giugno.

Il tasso di rifinanziamento pronti contro termine (Refi) passa quindi allo 0,5%, mentre il tasso marginale cala di mezzo punto allo 0,5% dall’1%. Nessuna modifica al tasso sui depositi, che resta fermo a zero. La decisione di abbassare i tassi era nell’aria, considerando la debolezza evidenziata dai recenti dati macroeconomici. Tra l’altro anche la Germania sta cominciando a rallentare con decisione, come dimostrato dagli ultimi dati dell’indice Pmi composito e dell’Ifo.

NUOVA BANCONOTA DA 5 EURO SERIE “EUROPA”

Inoltre, il forte calo dell’inflazione all’1,2% ad aprile ha consentito al Comitato Direttivo di procedere più spedito verso la decisione di abbassare i tassi. L’altra variabile-chiave che ha portato a questa decisione è la drammatica condizione del mercato del lavoro, con la disoccupazione media al massimo storico del 12,1%. Secondo Joerg Asmussen, membro del Comitato esecutivo della Bce, il taglio dei tassi non avrà un impattto significativo sull’economia reale e sulle piccole e medie imprese. Dopo il taglio dei tassi della Bce, le borse europee sono tutte in territorio positivo.

CHE COS’E’ LA GUERRA DELLE VALUTE

Per quanto riguarda il mercato obbligazionario, è in calo lo spread Btp-Bund sotto 270 punti. Sul forex sono scattati forti acquisti sulla moneta unica, che già negli ultimi giorni aveva mostrato un andamento molto positivo. Il tasso di cambio euro/dollaro è tornato sopra 1,32, anche se il contesto di mercato è attualmente molto incerto e volatile. Ieri il cross è salito sui massimi a due mesi a 1,3242. In forte rialzo il cambio euro/yen, che sale fino a sfiorare quota 130.